Cronaca

Tagli all'ospedale Papardo, l'Ars approva l'ordine del giorno per garantire i fondi al nosocomio

Della volontà dell'assemblea siciliana che si è espressa in seguito alla mozione presentata dal deputato Antonio De Luca e da altre forze politiche, dovrà tenerne conto il dirigente dell'assessorato regionale alla Salute, Mario La Rocca, che nelle prossime ore deciderà del futuro del nosocomio di Sperone

Anche l'Ars dalla parte dell'ospedale Papardo e contro il taglio del finanziamento. La mozione presentata oggi dal deputato Antonio De Luca è stata trasformata in un ordine del giorno che questo pomeriggio è stato approvato dall'Ars.  Il voto dell'Aula mette così alle strette il Governo regionale, che dovrà adesso assicurare i fondi per garantire e potenziare il nosocomio di Messina.

Dell'approvazione dell'ordine del giorno presentato dal deputato Antonio De Luca e sottoscritto dai suoi colleghi del M5S e da alcuni deputati di altre forze politiche, dovrà necessariamente tener conto  il dirigente dell'assessorato regionale alla Salute, Mario La Rocca, che nelle prossime ore deciderà del futuro dell'Azienda Ospedaliera Papardo.

"Sono molto soddisfatto per il risultato ottenuto e ringrazio i colleghi dell'ars  per aver sposato la causa dell'Ospedale Papardo, che rischiava essere smantellato per una scelta scellerata da parte della Regione. Non bisogna però abbassare la guardia e continuare a vigilare. È infatti fondamentale che, una volta risolto il problema del tutto di spesa, il Papardo proceda con le assunzioni di personale sanitario", commenta Antonio De Luca. 

Particolarmente soddisfatta anche la deputata pentastellata  Valentina Zafarana, che evidenzia come "la battaglia per una buona sanità non può subire arresti ma deve proseguire in tutte le direzioni, atteso che la provincia di Messina in questi anni ha patito troppi tagli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli all'ospedale Papardo, l'Ars approva l'ordine del giorno per garantire i fondi al nosocomio

MessinaToday è in caricamento