Cronaca

Parchi e ville, l'associazione Radice: non è una città per bambini, si va in trasferta per giocare

Disposta la riapertura dopo l'emergenza Covid ma sono poche e male attrezzate le strutture di intrattenimento e di divertimento per famiglie. L'appello di Morabito

Creare spazi gioco e aree attrezzate per garantire, gratuitamente, zone appropriate per i più piccoli. E’ l’appello all’amministrazione comunale dell’associazione Radice che segnalano una insufficienza di spazi pubblici adatti ai bambini.

“Da alcuni giorni è stata disposta l’apertura di parchi e ville con annessi giochi, luoghi di intrattenimento e di divertimento per famiglie e soprattutto bambini – scrive il presidente Fabio Morabito - Partendo da questo assunto, l’associazione Radici registra però l’insufficienza di spazi pubblici e parchi attrezzati per bambini. Molte famiglie,  con l’avvento della bella stagione e confortati anche dalla situazione nettamente migliorata per quel che concerne la questione Covid, sono soliti recarsi a Villa Dante, piuttosto che a Villa Mazzini o Villa Sabin per intrattenere i bambini ma, e la situazione è piuttosto evidente, le aree sono poco attrezzate oltre ad essere insufficienti. Innanzitutto ogni Villaggio dovrebbe avere un area attrezzata per i bambini in maniera tale da non costringere i genitori a munirsi di auto per raggiungere le ville centrali e poi anche per queste ultime, in attesa di bandi e affidamenti privati, vanno potenziati con arredo urbano e soprattutto giochi gratuiti per i bambini. Ci sono molte famiglie – conclude Morabito - che addirittura devono recarsi nella vicina Villafranca per poter garantire il gioco gratuito ai propri figli”. 

Nei giorni  scorsi era stato il presidente del terzo quartiere Lino Cucè a chiede rapidi interventi dell'amministrazione comunale per una delle poche aree attrezzate di Messina, Villa Dante segnalando degrado e carenti misure di sicurezza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parchi e ville, l'associazione Radice: non è una città per bambini, si va in trasferta per giocare

MessinaToday è in caricamento