rotate-mobile
Cronaca

Patrimonio dell'Iacp all'asta, la Lega antidroga resta senza casa e rischia di chiudere per sempre

Sos del presidente Di Blasi che ricorda la natura solidaristica dell'associazione "senza contributi pubblici". "Ci hanno comunicato diritto di prelazione, ma dove dovrebbe trovare la Lam 69 mila euro richiesti?”. Una situazione che riguarda anche Meter&Miles

L’Iacp vuole vendere alcuni immobili e la Lam, Lega antidroga messinese rischia di chiudere battenti per sempre.

E’ quanto denuncia Aldo Di Blasi, presidente dell’associazione fondata nel 1983, anche sull’onda della pandemia da Aids, già componente della Consulta per la Tossicodipendenza dell’assessorato Regionale alla Sanità e presidente dell’Istituzione dei Servizi Sociali del Comune di Messina. Di Blasi, presidente dal 1994 e socio fondatore insieme - tra gli altri - a Franco Providenti (che ne fu il primo presidente), Annamaria Garufi, ed Enzo Colavecchio, ha voluto condividere questo momento di difficoltà annunciando la messa in vendita dello stabile che li ospita.

L’Iacp, infatti, ha pubblicato un bando di dismissione immobiliare relativo a un centinaio di botteghe di sua proprietà, tra cui anche la sede dell’Associazione, in viale Giostra.

Tante e rilevanti le attività organizzate dalla Lama in tutti questi anni (corsi di formazione per volontari, conferenze e seminari pubblici sulla legalità, attività informative nelle scuole, ascolto mobile con camper nei luoghi a rischio di spaccio). E tanta anche la passione e la professionalità profuse, anche attraverso la collaborazione con l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna nello svolgimento di attività riparative a favore della collettività da parte dei detenuti e del Centro Alcolisti in Trattamento e anti-ludopatie (CAT), collaborazione con Asp e attività di segretariato sociale e formazione di addetti al primo soccorso e progetti di reinserimento lavorativo. Nei locali della Lama è anche funzionante una biblioteca, riconosciuta a livello regionale, aperta alla pubblica fruizione, e vengono offerte consulenze e attività di patronato. L’Associazione è infine rappresentata nei Comitati Consultivi delle istituzioni sanitarie pubbliche cittadine e aderisce al Cesv di Messina e alla Rete Civica per la Salute regionale.

“E’ vero - è l’amaro commento di Di Blasi  - che riguardo la vendita dell’attuale sede della Lam ci è stato comunicato il diritto di prelazione, ma dove dovrebbe trovare la Lam i 69 mila euro richiesti dall’Istituto come base d’asta?”.

L’augurio e che le istituzioni trovino al più presto una soluzione alla richiesta proveniente da un mondo – quello del volontariato in tema di tossicodipendenze – tra i più esposti al rischio, e la cui grande abnegazione e dedizione a questa causa trova nella Lam una luminosa punta di diamante.

Di certo, l'Iacp, che di recente ha passato in rassegna il proprio patrimonio immobiliare con particolare riferimento alla questione morosi, ha necessità di far quadrare i conti. Oltre il recupero dei crediti ha deciso anche di mettere all'asta una serie di botteghe e appartamenti. 

La Lam chiede però "maggiore sensibilità" ricordando che si tratta di una associazione di Volontariato, "che non percepisce contributi da nessun Ente, pubblico o privato, che non è messa nelle condizioni di attingere a finanziamenti con progetti a fini sociali, che non è mai stata presa in considerazione in occasione di affidamenti di beni sottratti alla mafia? Ma chi ritengono di prendere in giro?  Non si rendono conto che stanno prendendo in giro i cittadini di Messina, in particolare quelli che dell’opera della Lam hanno fruito o potrebbero fruire, le persone disagiate che ricorrono ai servizi di volontariato sociale".

Una situazione che riguarda anche la Meter&Miles di Saro Visicaro, sfrattata da due anni dalla sede di Santa Lucia Sopra Contesse. All'intimazione a lasciare i locali è stata fatta una controproposta dall'associazione che si occupa di ragazzi con disabilità a cui però non è stata ancora data risposta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrimonio dell'Iacp all'asta, la Lega antidroga resta senza casa e rischia di chiudere per sempre

MessinaToday è in caricamento