rotate-mobile
Cronaca

Peculato e falsità ideologica, sospesi tre medici dalla professione sanitaria

Raccolti gravi indizi di colpevolezza nei confronti del primario di Neurochirurgia del Policlinico Nino Germanò, della dirigente medico Concetta Alafaci e dell'ex primario del Papardo Francesco Salpietro, rientrato al nosocomio di viale Gazzi a febbraio. Contestate violazioni della normativa in materia di attività libero professionale intramuraria

Alle prime ore del mattino i carabinieri della Compagnia di Messina sud hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di applicazione di tre misure interdittive della sospensione dall'esercizio della professione sanitaria, emessa dal Gip del Tribunale di Messina su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 3 medici ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di peculato e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale.

Le attività investigative condotte dai carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Messina Sud hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti dell'ex primario dell'Unità ospedaliera di Neurochirurgia dell'Ospedale "Papardo" di Messina rientrato poi al Policlinico a febbraio, Francesco Salpietro, e di un dirigente medico dell'Uoc di Neurochirurgia del "Policlinico Universitario G. Martino" di Messina, Concetta Alafaci destinatari della sospensione dall'esercizio della professione sanitaria di un anno, in merito a violazioni della normativa in materia di attività libero professionale intramuraria realizzate attraverso l'espletazione di visite specialistiche, sia presso gli studi interni dei rispettivi ospedali che in laboratori esterni siti in Canicattì ed Agrigento, richiedendo e ricevendo per le stesse pagamento in contanti, omettendo di rilasciare ricevuta e senza versare all'Azienda Sanitaria la percentuale dovuta in base al rapporto di esclusività d'impiego con la struttura pubblica d'appartenenza.

Contemporaneamente le indagini hanno coinvolto anche il primario dell'U.O.C. di Neurochirurgia del Policlinico di Messina, Nino Germanò, destinatario della sospensione dall'esercizio della professione sanitaria per mesi sei, il quale, con l'ausilio di un'infermiera del citato reparto e attraverso l'utilizzo del sistema informatico ospedaliero, incrementava la propria percentuale di visite ambulatoriali, in realtà mai effettuate, al fine di continuare a percepire un'indennità economica quest'ultima subordinata alla parità tra attività istituzionale e attività intramuraria.

articolo modificato alle 14.20 del 28 ottobre 2021// aggiunti i nomi dei medici sospesi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peculato e falsità ideologica, sospesi tre medici dalla professione sanitaria

MessinaToday è in caricamento