Pedinamenti dipendenti Atm, Campagna: "Attività lecita riconosciuta anche in Cassazione"

La replica del presidente dell'azienda trasporti agli attacchi sulla gestione del persole. "Sui lavoratori nessun accanimento ma ripristino di legalità e trasparenza"

Non si fa attendere la replica di Atm Spa alle accuse di malagestione e comportamenti autoritari lanciata da un gruppo di dipendenti insieme ai sindacati. I lavoratori avevano denunciato pedinamenti organizzati dall'azienda per controllare chi era in malattia o autisti costretti a pagare i danni causati al mezzo. Adesso fa chiarezza il presidente dell'azienda di via La Farina Giuseppe Campagna, con un comunicato che riportiamo integralmente.

Si evidenzia come sia stata rappresentata una “verità” dei fatti descritti, capziosa, strumentale e volutamente suggestiva, che mira a distogliere l’attenzione dalle notizie vere che dallo stesso articolo si possono facilmente desumere. In primo luogo, si evidenzia e si tiene a precisare che il diritto del datore di lavoro e dell’azienda Atm in questo, caso di ripetere dal lavoratore che abbia procurato un danno al patrimonio aziendale a causa di negligenza, colpa od imperizia alla guida, proprio nel caso di Atm, si connoti oltre che un diritto sancito dal codice civile, prima ancora che dai contratti collettivi, anche come un preciso dovere.

Rammento a me stesso, infatti ed a tal proposito, che Atm è un’azienda pubblica che gestisce e dispone di risorse pubbliche, il che comporta che esista un preciso dovere in capo a chi ha la responsabilità del governo politico e della gestione della stessa, di evitare che si possa generare un danno all’erario, conseguendo quindi la necessità di recuperare al costo  le somme necessarie alle riparazioni dei danni causati da un fatto negligente e colposo del dipendente.

Appare superfluo evidenziare a tal proposito, che la triste eredità ricevuta dalla precedente gestione, comprendeva anche il fatto che la vecchia azienda non provvedesse a recuperare dai dipendenti il costo dei danni subiti, con un evidente perpetrarsi di un danno erariale accumulatosi nel tempo. Nessun accanimento verso i lavoratori, quindi, ma semplicemente il ripristino delle condizioni minime di legalità e trasparenza nell’azione amministrativa e gestionale.

E’ ovvio, poi, che per il futuro Atm stia lavorando, avendo già manifestato la propria volontà in tal senso, ad inserire nella contrattazione decentrata la possibilità di prevedere delle forma di copertura assicurativa “Kasko”. Dimodoché, le esigenze entrambi primarie della tutela del patrimonio aziendale e della serenità dei lavoratori, siano contemperate e perseguite. Ma, la legge va rispettata senza deroga alcuna.

Quanto poi alla vicenda dei cosidetti “pedinamenti” dei lavoratori in malattia, non può che sottolinearsi come è pacificamente ritenuto dalla costante giurisprudenza anche della Corte di Cassazione, anche di recente con la Sentenza n. 11697/2020, che ha ritenuto non lesiva della dignità dei lavoratori e della loro privacy, l’attività di controllo attuata anche per il tramite di investigatori privati. Un’attività, quindi, perfettamente lecita, espletata nel rispetto di tutti gli obblighi imposti a tutela della persona del lavoratore, che, peraltro è stata già eseguita anche negli anni scorsi dalla precedente gestione della Azienda Atm oggi in liquidazione. La differenza tra le attività di controllo espletate negli anni scorsi e quella odierna, sta nel fatto che oggi, a maggiore tutela dei diritti e delle prerogative proprio dei lavoratori, Atm Spa ha proceduto ad avviare un procedimento disciplinare, mettendo i dipendenti coinvolti dalle verifiche nella condizione di poter esercitare i loro diritti e fornire, eventualmente le giustificazioni.

All’esito dello svolgimento del procedimento disciplinare, qualora dovessero emergere elementi dai quali desumere ipotesi di abuso da parte di qualche lavoratore, gli accertamenti effettuati verranno trasmessi all’Autorità Giudiziaria in sede penale per le conseguenti determinazioni. In precedenza, invece, i risultati dei controlli furono inviati direttamente alla Procura della Repubblica, dove si immagina siano ancora in corso le conseguenti attività di indagine da parte degli inquirenti.

Anche in questo caso, rivendico, la maggior tutela apprestata al lavoratore piuttosto che una presunta penalizzazione autoritaria ed illegale.

Non posso che evidenziare, infine, con profondo rammarico – prosegue Campagna – come una parte assolutamente minoritaria dei lavoratori stia cercando in tutti i modi di frapporre ostacoli ad un’azione che ha come obiettivo quello di ripristinare un fisiologico rispetto delle regole e dei doveri da parte di alcuni lavoratori, evidentemente abituati in precedenza a farsene beffa. Tali ostinati atteggiamenti, che sfacciatamente vorrebbero mantenere uno status quo fatto di abuso del diritto e delle regole e di privilegi, è fortemente irrispettoso oltre che della legge, anche delle centinaia di lavoratori dell’Azienda che con sacrificio, dedizione e passione stanno condividendo l’azione di cambiamento in un settore come quello del trasporto pubblico locale messinese, da sempre considerato un disastro e che ha contribuito nei decenni passati far aumentare a dismisura il buco nero delle finanze pubbliche del Comune di Messina. Tali atteggiamenti, poi, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, in cui si sta allargando sempre di più il solco tra i dipendenti pubblici ed i dipendenti privati, generando atteggiamenti di tensione ed odio sociale tra categorie di cittadini, risultano essere davvero gravi, incomprensibili e dannosi per tutti. Atm, sta cercando in tutti i modi di andare incontro alle esigenze dei propri lavoratori in un frangente difficile, basti pensare ai lavoratori della Ztl, che come ben noto a servizio sospeso dal Comune a causa dell’emergenza covid, sono stati comunque lasciati in servizio, impiegati in altre mansioni o usufruendo di ferie arretrate, per evitare il ricorso ad ammortizzatori sociali che comunque sarebbero gravosi per gli stessi dipendenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento