menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta fondi per il bimbo Peter affetto da SMA: "Un farmaco può salvargli la vita, ma costa 2 milioni"

Da quando aveva due mesi il piccolo combatte contro un'atrofia spinale muscolare. La richiesta d'aiuto dei genitori come quella per il piccolo Luca di Milazzo

Corsa contro il tempo per salvare Peter, il bimbo messinese affetto da atrofia spinale muscolare. Una patologia invalidante che gli è stata diagnosticata all'età di due mesi. Il piccolo dorme attaccato ad un respiratore e i genitori sono costretti ad assisterlo 24 ore su 24 per evitare il peggio. Dopo aver rischiato di morire,  ha iniziato una cura che gli ha consentito di riacquistare parzialmente l'uso delle mani, ma ogni giorno deve subire pratiche invasive e a volte dolorose che riesce però ad affrontare senza mai perdere il sorriso.

Per Peter adesso secondo la famiglia c'è una possibilità, rappresentata da Zolgensma, la nuova terapia genica dal costo di circa due milioni di euro. Una storia simile a quella del piccolo Luca per il quale si è svolta nei giorni scorsi un incontro al Comune per affrontare organicamente la questione che riguarda appunto più bimbi nel terriorio nazionale. Il farmaco in questione non è disponibile in Gran Bretagna, dove il piccolo vive insieme ai genitori. Da qui il disperato appello della famiglia che ha aperto una raccolta fondi per poter ricevere il trattamento, non coperto dal sistema sanitario nazionale inglese. "Per poter permettere a Peter di effettuare questa terapia - spiega la mamma Valentina - dobbiamo raccogliere i fondi necessari. Abbiamo solo un anno di tempo o purtroppo non sarà più idoneo a riceverlo".

Come donare

Dall'Italia e per le donazioni in euro:

Beneficiario: SPAGNOLO D

Causale: Peter SMA

IBAN: GB06NWBK56003133960267

BIC/SWIFT: NWBKGB2L

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Lions siciliani donano sei cani guida ai non vedenti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento