Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Librizzi

Fingeva di prendersi cura nell'orto del padre ma coltivava una piantagione di cannabis, arrestato

Al 42 enne già noto alle forze dell'ordine sono state sequestrate le piante dotate anche di un impianto di irrigazione

Nella giornata di ieri, nel corso di servizi finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Librizzi, hanno arrestato, in flagranza di reato, il 42enne S.G. di Librizzi, già noto alle forze dell’ordine, per coltivazione di sostanze stupefacenti. I Carabinieri della Stazione di Librizzi, da alcuni giorni, avevano riscontrato come un uomo della zona effettuasse, in maniera sistematica, degli spostamenti dalla propria abitazione ad un terreno di proprietà del padre, ubicato nel medesimo Comune. È stato questo il motivo per cui sono stati predisposti mirati servizi di osservazione.

Quello eseguito nella serata di ieri, ha consentito ai Carabinieri di sorprendere S.G. 42enne, mentre era intento ad innaffiare una piantagione di canapa indianapredisposta all’interno di un orto, al chiaro fine di dissimulare l’attività illecita da lui condotta. La conseguente perquisizione ha consentito di rinvenire 34 piante di cannabis indica di altezza variabile tra i 20 ed i 120 centimetri, che sono state sradicate e sottoposte a sequestro, unitamente a numerosi semi della medesima sostanza ed ai tubi dell’impianto di irrigazione appositamente predisposto. Pertanto S.G. è stato arrestato, in flagranza per il reato, in quanto ritenuto responsabile di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Ultimate le formalità di rito su disposizione della Procura della Repubblica di Patti (ME), diretta da Angelo Vittorio Cavallo, l’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione e sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida con rito direttissimo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fingeva di prendersi cura nell'orto del padre ma coltivava una piantagione di cannabis, arrestato

MessinaToday è in caricamento