Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Coltivava una piantagione di marijuana dietro la piscina del figlio, arrestato 34enne

a. Durante la perquisizione, sono state altresì trovati appunti cartacei attestanti le cessioni della droga

Il 21 luglio 2023, nell’ambito dei servizi finalizzati a contrastare il traffico di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Messina Gazzi hanno arrestato, in flagranza di reato, un 34enne già noto alle forze dell’ordine, per produzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Da alcuni giorni i Carabinieri seguivano i movimenti dell’uomo, spesso notato in compagnia di persone note quali assuntori di droghe.  Sono stati pertanto predisposti servizi osservazione nei pressi della sua abitazione che hanno permesso di accertare insoliti movimenti di persone, motivo per il quale i militari hanno deciso di intervenire per eseguire una perquisizione del domicilio monitorato.

All’esito della perquisizione, nel retrostante giardino, in un angolo parzialmente coperto da una piccola piscina per bambini con all’interno giochini d’acqua del figlioletto, i Carabinieri hanno scoperto una piantagione, con 27 piante marijuana. Durante la perquisizione, sono state altresì trovati appunti cartacei attestanti le cessioni della droga. L’uomo è stato arrestato e le piante, estirpate e inviate Ai Carabinieri del R.I.S. di Messina per le analisi di laboratorio, unitamente agli appunti, sono state sequestrate. 

Ultimate le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’arrestato è stato ristretto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida. I servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti proseguiranno, su tutto il territorio del capoluogo peloritano, al fine di fornire un’incisiva attività di prevenzione e di dissuasione dei malintenzionati dal compimento di specifici illeciti nell’ambito dello spaccio di droghe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltivava una piantagione di marijuana dietro la piscina del figlio, arrestato 34enne
MessinaToday è in caricamento