Sotto processo per peculato, il presidente della Messina Servizi rassegna le dimissioni nelle mani del sindaco

L'avvocato di Roccalumera a capo della società che gestisce la raccolta dei rifiuti rinviato a giudizio. Ha rimesso il mandato, sarà il primo cittadino a decidere se confermarlo o sostituirlo

Il sindaco Cateno De Luca con il presidente della Messina Servizi Giuseppe Lombardo

Sarà il sindaco Cateno De Luca a decidere. Il presidente della Messina Servizi Pippo Lombardo ha rassegnato le dimissioni al primo cittadino. Secondo quanto si apprende Lombardo è stato rinviato a giudizio con l'accusa di peculato. La società partecipata avrebbe pagato somme non dovute di una multa amministrativa di circa 6.500 euro relativa allo stoccaggio non autorizzato nell'impianto di Pace di balle di rifiuti poste al di fuori dello spazio ambientale corretto. Per il rinvio a giudizio l'avvocato di Roccalumera, da sempre uno dei fedelissimi del primo cittadino, ha rimesso il mandato nelle mani di De Luca. Dalle prime informazioni pare che il sindaco non intenda sostituire l'ex consigliere provinciale alla guida della Messina Servizi Bene Comune.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricetta della nonna per i pitoni fritti con la scalora

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Zona rossa: Musumeci ha firmato l'ordinanza, dall'11 al 31 gennaio lockdown in città

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

Torna su
MessinaToday è in caricamento