rotate-mobile
Cronaca

Non solo Covid, al Policlinico eseguito il primo prelievo d'organi dell'anno: nuova speranza per quattro persone

Espiantati un rene, i due emifegati e un polmone da una persona deceduta. Gli sforzi del personale sanitario durante la pandemia

Nonostante il Covid, al Policlinico resta alta l'attenzione sulla donazione di organi. Grazie alla disponibilità e all'estrema sensibilità dimostrata dai familiari di una persona deceduta, infatti, al Policlinico "G. Martino" di Messina è stato eseguito il primo prelievo dell'anno. Ciò ha consentito di offrire una nuova speranza a quattro pazienti (tra cui uno pediatrico), che – al Policlinico di Catania, all'Ismett di Palermo e in Sardegna – hanno ricevuto un rene, i due emifegati e un polmone.

Il "Coordinamento per la Donazione ed il Trapianto Organi e Tessuti" dell'Azienda Ospedaliera Universitaria, in questa occasione, ha potuto contare in particolare sulla preziosa attività della Terapia Intensiva Post Operatoria, attualmente diretta dalla professoressa De Pasquale.

"Mi preme evidenziare – afferma il direttore sanitario Antonino Levita – lo sforzo di tutto il personale che, nonostante sia chiamato ormai da lungo tempo a grandi sacrifici per fronteggiare l'emergenza Covid, continua a dare esempio di dedizione e disponibilità. Un ringraziamento speciale va agli anestesisti. Si tratta della dimostrazione di come l'Azienda, pur gravata da carichi di lavoro straordinari, non intenda fare passi indietro, mantenendo quale obiettivo primario quello di garantire la salute di tutti i pazienti, Covid e non Covid. L'augurio è che anche quest'anno il tema delle donazioni possa avere la rilevanza che merita. Gesti come quelli della famiglia di questa persona tragicamente e prematuramente deceduta, ma che continuerà a vivere grazie alla possibilità data a chi ha ricevuto i suoi organi, sono l'ennesima testimonianza di quanto sia importante non abbassare la guardia su alcun fronte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo Covid, al Policlinico eseguito il primo prelievo d'organi dell'anno: nuova speranza per quattro persone

MessinaToday è in caricamento