rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

Le anomalie e gli interessi dietro il Ponte sullo Stretto, arriva la smentita a Report ma è "anonima"

Una pagina Facebook "indipendente" difende il Ponte dagli attacchi della trasmissione di Rai Tre. A veicolare la replica ai giornali l'importante agenzia di comunicazione Sec Newgate, la stessa che segue il gruppo Webuild a cui il governo ha commissionato la costruzione dell'opera

Una smentita anonima o quasi su quanto dichiarato da Report domenica scorsa durante la trasmissione dedicata al ponte sullo Stretto. A veicolarla ai giornali è la Sec Newgate, nota agenzia di comunicazione che opera in tutto il mondo, per conto di una pagina Facebook chiamata appunto "Ponte sullo Stretto di Messina". Un profilo social che si definisce indipendente, nato con il fine di divulgare contenuti sulla mega opera. Chi ci sia veramente dietro non è dato sapere. O meglio, su specifica richiesta circa l'identità di chi firma la corposa replica, la stessa Sec non fornisce ulteriori spiegazioni e rimanda alla pagina sopracitata. Una realtà evidentemente tanto affermata e strutturata da far promuovere i propri contenuti da un'agenzia con trent'anni di storia, oltre 850 dipendenti distribuiti in 43 sedi in 5 continenti e un portfolio clienti di tutto rispetto. Basta citare Coca Cola Italia e Unicredit per rendere l'idea.

Ma tra i clienti c'è anche Webuild, il global player a cui il governo ha assegnato la costruzione del ponte sullo Stretto e che in Sicilia sta già realizzando la nuova linea ferroviaria Messina-Catania-Palermo. Proprio su quest'ultima opera Sec Newgate nel recente passato ha diffuso due comunicati stampa mentre in un'altra occasione l'agenzia milanese ha inviato alle testate giornalistiche un'altra velina con cui il Gruppo Webuild annunciava risultati in forte crescita alla chiusura dell'esercizio 2021. Forse è solo una coincidenza, ma ai più non appare di certo illogico pensare che il ghostwriter della smentita a tutto tondo, su quanto dichiarato due giorni fa da Report, sia alla fine la stessa Webuild. E sarebbe una manovra anomala considerando che un gigante che realizza infrastrutture in tutto il mondo scelga di celarsi dietro una pagina Facebook che si definisce appunto "indipendente". E appare ancora più strano che l'amministratore dell'account social non sappia nulla di tutto questo.

Per la pagina Ponte sullo Stretto di Messina la trasmissione condotta da Sigfrido Ranucci ha condiviso "molte informazioni sbagliate, che hanno creato disinformazione antiscientifica e dubbi immotivati negli spettatori". Poi gli sconosciuti autori della replica rincarano la dose. "Il servizio è stato confezionato ad hoc per remare nella direzione scelta e ha prodotto danni importanti". La smentita tocca punti importanti: dalla capacità del ponte di resistere a forti venti e terremoti, alla validità del progetto definitivo fermo al 2011, passando per l'impatto ambientale e i tempi di realizzazione. 

"Ci teniamo anche a precisare - spiega il profilo Facebook -  che da che mondo è mondo le grandi opere, ovvero le arterie, stimolano quelle più piccole. Non collegare stabilmente la Sicilia al continente, lasciandola in una condizione di insularità che secondo le stime crea danni economici non inferiori a 6 miliardi di euro ogni 12 mesi, è una pessima idea. Se un treno non può superare quei 3 km di mare, arrivando da nord, la sostenibilità economica si riduce in modo netto. Vale lo stesso per un treno che parte da Palermo o Catania e non può andare a Napoli o a Roma. Non esiste altra isola da addirittura 5 milioni di abitanti che sia separata dal proprio continente da soli 3 km di mare. È una situazione anomala a livello mondiale".

Nessuna firma a corredo del comunicato. Gli unici nomi riportati sono quelli "dei professionisti da primato mondiale che hanno firmato il progetto definitivo del ponte sullo stretto di Messina".

E Sec Newgate SpA avvia una verifica interna

Sulla vicenda, "Sec Newgate SpA ha immediatamente avviato una verifica per chiarire l’accaduto con SEC & Partners, società del Gruppo Sec Newgate, basata a Roma, che svolge attività di supporto media per il Gruppo Webuild". Lo precisa Gabriele Bertipaglia, Supervisor SEC Newgate. "Dalle prime verifiche effettuate- scrive - risulta che Sec & Partners si è limitata a segnalare un articolo, reperito nel web, che fornisce informazioni sull’opera, ma che non ha, né ha mai avuto, alcun rapporto con la pagina Facebook “Ponte sullo Stretto di Messina”, come gli stessi amministratori della pagina hanno peraltro già dichiarato con un post successivo". 

Articolo aggiornato il 29 novembre 2023 alle 19.30 // inserita nota di Sec Newgate SpA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le anomalie e gli interessi dietro il Ponte sullo Stretto, arriva la smentita a Report ma è "anonima"

MessinaToday è in caricamento