rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
I dubbi

Ponte sullo Stretto, i rischi per aver riesumato il progetto e i segreti di Stato sulle "penali miliardarie"

Le penali dipendono da un contratto tenuto segreto e da una normativa poco chiara. Restano quindi alcune domande. Quanto ci costerà davvero il ponte di Messina? Quanto ci potrebbe costare invece lo stop ai lavori? Quando saranno accessibili le informazioni mancanti? Probabilmente a cose fatte

Era già successo nel 2013 quando, dopo che il progetto fu fermato dal governo di Mario Monti, gli stessi protagonisti che ora sono impegnati nella costruzione del ponte sullo stretto di Messina chiesero allo Stato italiano oltre un miliardo di euro. Oggi, tra ritardi e dubbi sulla fattibilità, un altro tema si aggiunge al dibattito: le penali per un eventuale nuovo stop: la richiesta potrebbe essere ancora più onerosa come spiega a Today.it Dario Capotorto, docente di Diritto degli appalti pubblici all'Università di Roma La Sapienza: "Un eventuale passo indietro esporrebbe la collettività a nuovi risarcimenti ai privati".

Di fatto le aziende, realizzando o meno il progetto, guadagnerebbero comunque. Gli indennizzi sono infatti calcolati secondo gli accordi siglati tra la società pubblica Stretto di Messina e chi dovrà costruire il ponte, il consorzio Eurolink guidato da WeBuild. Tuttavia, questi documenti sono tenuti segreti.

Continua a leggere su Today.it 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MessinaToday è in caricamento