rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca Sant'Agata di Militello

Inquinamento marino, il porto di Sant'Agata Militello scelto dall'Ue per tutelare l'ecosistema

Stamane la visita istituzionale di Elisabetta Balzi, capo dell’unità mari e oceani della Direzione generale della Ricerca e dell’innovazione della Commissione Europea

Sant'Agata di Militello in prima linea per la lotta all'inquinamento marino. Il suo porto, infatti,  è stato individuato nell?ambito della Missione dell?Unione Europea dedicata al risanamento di mari ed oceani per la predisposizione di soluzioni che favoriscano la tutela ed il ripristino degli ecosistemi e la biodiversità marina, l?eliminazione dell?inquinamento e rendere l'economia blu circolare ed a zero emissioni di carbonio. Oltre all?attuazione di misure finalizzate al risparmio ed all?efficientamento energetico, potranno dunque essere previsti ad esempio l?installazione di mini impianti eolici e di sistemi di recupero dei rifiuti che vengono dal mare e raccolti dai pescatori. Un?idea di porto green, dunque, che condividiamo in toto e che siamo disponibili a sposare attraverso la sinergia con tutti gli organi preposti.

Stamane il sindaco Bruno Mancuso ha ricevuto la visita della dottoressa Elisabetta Balzi, Capo dell?unità mari e oceani della Direzione generale della Ricerca e dell?innovazione della Commissione Europea, accompagnata dall?Ingegnere Giancarlo Teresi, dirigente del servizio infrastrutture marittime e portuali della Regione siciliana.

"Riguardo i lavori in corso - ha detto il sindaco -  ci sono segnali di un?evidente accelerazione e monitoriamo quotidianamente l?andamento del cantiere, fiduciosi nel rispetto dell?impegno assunto dall?impresa. Con gli uffici della Regione siciliana, general contractor e finanziatore dell?opera, c?è un contatto costante e la massima collaborazione per accelerare al massimo verso la conclusione dei lavori".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento marino, il porto di Sant'Agata Militello scelto dall'Ue per tutelare l'ecosistema

MessinaToday è in caricamento