Porto Tremestieri, iniziata la posa della palificazione: Uil chiede ad Authority "operazione verità"

Dopo le polemiche sui ritardi avviati nuovi interventi nel grande cantiere a sud della città. In sopralluogo l'assessore regionale Marco Falcone mentre i sindacati puntano ad un nuovo cronoprogramma

I primi lavori per posa della palificazione

I lavori al porto di Tremestieri, a detta dell'amministrazione comunale, non si sono mai fermati. Dopo l'emergenza Covid, il cantiere è ripartito lo scorso 31 agosto con operazioni propedeutiche all'avvio degli interventi più importanti. Oggi si è dato inizio alla posa della palificazione mentre l'assessore Salvatore Mondello ha compiuto un sopralluogo insieme all'assessore regionale Infrastrutture e Trasporti, Marco Falcone. 

I prossimi step prevederanno la realizzazione della banchina di riva e le opere di protezione a scogliera. 

Intanto, la Uil lascia accesi i riflettori sull'opera, la più importante degli ultimi decenni per la città. Il sindacato è tornato a puntare il dito sui ritardi che stridono con gli annunci del sindaco De Luca secondo il quale il nuovo porto avrebbe dovuto vedere la luce già alla fine di quest'anno. Ma la pandemia ha comprensibilmente fatto slittare i tempi. 

Uil insieme a Uiltrasporti chiedono adesso all'Autorità Portuale dello Stretto di avviare un’operazione verità sulle prospettiva della fondamentale opera infrastrutturale, ma anche in merito alla stesura di un credibile nuovo crono-programma che ne definisca i tempi di avvio e di completamento. 

“Il porto di Tremestieri rappresenta l’opera più importante del piano operativo triennale dei porti 2020-2021 da poco  approvato dall’Adsp dello Stretto - dichiarano Ivan Tripodi segretario generale Uil Messina e Michele Barresi con Nino Di Mento segretari UIltrasporti - un’infrastruttura in gran parte finanziata dall’Autorita di sistema che, pertanto, ha il diritto ed il dovere di pretendere e fare chiarezza sui ritardi dei lavori che da tempo denunciamo. I cantieri del porto a sud sono stati avviati in pompa magna dal sindaco De Luca il 9 novembre 2018 e nell’occasione il primo cittadino annunció il completamento dell’opera entro “due anni meno un giorno”. “Dovendo dare credito agli annunci del sindaco De Luca l’opera dovrebbe essere completata il prossimo 8 novembre - proseguono i sindacalisti- ma nel cantiere si vede ben altro e lo stesso assessore ai Lavori Pubblici del comune di Messina Mondello durante un sopralluogo ha dichiarato che lo stato dei lavori è giunto appena al 7%. Reputiamo necessario nell’interesse della città e dei lavoratori  che si apra subito un dovuto confronto in sede di Autorità di Sistema - concludono Uil e UIltrasporti- e, pertanto, avanzeremo la richiesta già nella prossima seduta dell’Organismo di partenariato della risorsa mare prevista per domani 27 ottobre. È venuto il momento della chiarezza per smascherare le chiacchiere e l’inadeguatezza del sindaco De Luca”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E’ morto il “principe” avvocato Francesco Marullo di Condojanni

  • Atm, dipendenti in malattia pedinati da un detective privato

  • È morto Dino Privitera, il mondo della cultura e dello spettacolo in lutto

  • Tensione alla Mazzini Gallo, genitori si fiondano dalla dirigente pretendendo il certificato medico di un bimbo

  • Trovato morto il sub disperso a Maregrosso, il cadavere recuperato dalla Capitaneria di Porto

  • Famiglia in isolamento da settimane per il padre positivo al Covid: "Lasceremo casa se i ritardi proseguiranno"

Torna su
MessinaToday è in caricamento