rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Tremestieri

Porto di Tremestieri ancora più insabbiato, manovre limitate e nuove disposizioni per le navi

L'approdo continua a pagare gli effetti delle recenti mareggiate. Le disposizioni della guardia costiera

Il porto di Tremestieri continua a pagare il conto dopo le recenti mareggiate. Il cumulo di sabbia (spiaggetta) già presente nelle acque prospicienti la testata del molo di sopraflutto nonché lungo la prima parte di banchina di sopraflutto fino al “Dente”, si è ulteriormente allargato, restringendo il passo di accesso navigabile a circa 60 metri, mentre la banchina di sopraflutto (scivolo 2), utilizzabile per l’ormeggio delle navi di linea in sicurezza, si estende per circa 125 metri dalla radice del molo.

È quanto comunicato con un'ordinanza dalla Capitaneria di porto - Autorità Marittima dello Stretto di Messina. ha disposto che dalle ore 14 di oggi, martedì 22, a causa del parziale insabbiamento di specchio acqueo prospiciente il fanale rosso del passo di accesso del porto di Tremestieri per una profondità di circa 50 metri verso sud, tutte le unità navali impegnate nel servizio di traghettamento presso gli approdi di Tremestieri, dovranno procedere con la massima cautela e con l’obbligo di operare in modo alternato in ingresso/uscita, indipendentemente dallo scivolo di ormeggio e, comunque, quelle operanti presso lo scivolo 2 possono manovrare solo con lo scivolo 1 libero, previa comunicazione con il responsabile dell’impresa portuale Comet presente sul posto; mantenere una distanza non inferiore a 25 metri dalla testata del molo di sopraflutto, e comunque navigare oltre la boa luminosa lampeggiante indicante il limite di acque navigabili, durante le manovre di ingresso/uscita.

I contravventori all’ordinanza saranno puniti, salvo che il fatto costituisca diverso e più grave reato/illecito amministrativo, se alla condotta di un’unità da diporto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto di Tremestieri ancora più insabbiato, manovre limitate e nuove disposizioni per le navi

MessinaToday è in caricamento