Cronaca

Precari Covid da eroi a dimenticati, sit-in dei sindacati a Palermo: l'anomalia Messina

Chiedono l'impiego del personale assunto per l’emergenza nelle attività ordinarie come previsto dalla direttiva assessoriale del 29 dicembre scorso e il reintegro di tutti i lavoratori messinesi i cui contratti, unico caso al momento in tutta la Sicilia, sono stati risolti prima della naturale scadenza

"Cgil, Cisl e Uil rappresentano una comunità di oltre duemila lavoratori del comparto tecnico e amministrativo assunti durante l’emergenza Covid. Questi lavoratori altamente professionalizzati negli ultimi due anni, con grande senso del dovere e al pari del personale sanitario, hanno servito il Paese mettendo in sicurezza le nostre comunità. Hanno garantito i servizi ordinari e straordinari delle aziende, hanno contribuito al miglioramento dell’assistenza al cittadino e lavorato per una sanità pubblica, gratuita e votata all’erogazione di prestazioni di qualità". A dirlo sono i segretari regionali siciliani di Nidil Cgil, Andrea Gattuso, Felsa Cisl, Giuseppe Cusumano, e UilTemp Sicilia, Danilo Borrelli, che aggiungono: "Oggi, a causa di una mancanza di strategia organizzativa e di una visione di lungo periodo, queste professionalità rischiano di disperdersi e la macchina amministrativa della sanità di collassare nuovamente proprio con l’arrivo dei fondi del Pnrr".

Per i leader sindacali "ci troviamo di fronte a una gravissima ingiustizia nei confronti del personale tecnico, lasciato fuori da ogni previsione sia di proroghe che percorsi alternativi per l'internalizzazione dei servizi. Non si capisce perché gli amministrativi vengano inseriti nel decreto Milleproroghe e il personale tecnico-informatico no. Non possiamo accettare disparità di trattamento". Per questo lunedì 27 febbraio sindacati e lavoratori scenderanno in piazza, alle 15, davanti a Palazzo d’Orleans, a Palermo. Le parti sociali chiedono la proroga di tutti i contratti in scadenza il 28 febbraio per "garantire la continuità lavorativa e il funzionamento dei servizi nelle aziende sanitarie"; l'integrazione del personale tecnico e professionale all'interno delle procedure di stabilizzazione già previste per il personale sanitario, socio-sanitario e nella prospettiva voluta dal governo nazionale per il personale amministrativo. Ancora chiedono l'impiego del personale assunto per l’emergenza Covid nelle attività ordinarie come previsto dalla direttiva assessoriale del 29 dicembre scorso e il reintegro di tutti i lavoratori di Messina i cui contratti, unico caso al momento in tutta la Sicilia, sono stati risolti prima della naturale scadenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari Covid da eroi a dimenticati, sit-in dei sindacati a Palermo: l'anomalia Messina
MessinaToday è in caricamento