Cronaca

Minaccia di farsi esplodere con tutto il vicinato, arrestato un pregiudicato di 73 anni

Con tre bombole di gas voleva causare la distruzione anche della casa del proprio rivale. Vecchi dissapori sedati dai carabinieri che lo hanno portato al carcere di Gazzi

Era disposto a morire pur di distruggere il rivale vicino di casa. Almeno così ha fatto credere, terrorrizzando il vicinato.

Una storia ai confini della realtà quella in cui si sono imbattuti i carabinieri ieri sera che hanno arrestato un pregiudicato di 73 anni per il reato di violenza privata aggravata con minaccia.

Vecchi dissapori con il proprio vicino di casa, che hanno rischiato di finire in tragedia. L'uomo minacciava infatti di farsi esplodere con 3 bombole di gas, che aveva nella propria disponibilità, nella convinzione che l’esplosione avrebbe causato la distruzione oltre che della propria abitazione anche di quella del “rivale”.

I militari, a seguito di una telefonata al 112, hanno raggiunto il posto segnalato e, dopo aver fatto allontanare altri cittadini presenti nelle immediate vicinanze, ponendoli a distanza di sicurezza, hanno attivato un’opera di convincimento dell’uomo che, una volta tranquillizzato, ha acconsentito ai carabinieri di accedere all’interno della propria abitazione continuando, però, a reiterare minacce nei confronti del vicino.

Il 73enne è stato, pertanto, arrestato e stamattina è stato condotto dinnanzi al giudice del Tribunale di Messina per essere processato con rito direttissimo. L’autorità Giudiziaria, dopo aver convalidato l’arresto operato dai Carabinieri, ha disposto l’arresto al carcere di Gazzi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia di farsi esplodere con tutto il vicinato, arrestato un pregiudicato di 73 anni

MessinaToday è in caricamento