Cronaca Capo d'Orlando

Capo d'Orlando premia Giuseppe Di Bello, l'ex carabiniere che ha ritrovato i resti del piccolo Gioele

Il riconoscimento fortemente voluto dal sindaco Franco Ingrillì. Nel corso della cerimonia consegnata una targa anche a due esponenti delle forze dell'ordine autori di un salvataggio in mare

Una targa e un lungo applauso. Così Capo d'Orlando ha voluto premiare Giuseppe Di Bello, l'ex carabiniere che lo scorso 19 agosto ha ritrovato i resti di Gioele Mondello. Durante la cerimonia, fortemente voluta dal sindaco Franco Ingrillì, è stato ricordato il grande gesto dell'uomo che, armato di falcetto, ha battuto in lungo e in largo la campagna di Caronia dopo aver raccolto l'invito lanciato da Daniele Mondello, padre del piccolo, fino a trovarsi a pochi centimentri da quello che rimaneva del cadavere del bimbo. "Per la disponibilità, l'impegno, l'abnegazione e il grande cuore". Questa la menzione impressa sulla targa consegnata da Ingrillì all'ex carabiniere. Quest'ultimo, visibilmente commosso, ha preferito rimanere in silenzio. Presenti anche i familiari di Viviana e Gioele in segno di un legame nato quel tragico giorno.

Nella stessa giornata sono stati premiati anche il sovrintendente capo della polizia Enrico Princiotta e il carabiniere Rosario Lupica Cristo. Entrambi, lo scorso luglio hanno prestato soccorso a dei pescatori travolti da un'onda anomala nel mare di Capo d'Orlando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capo d'Orlando premia Giuseppe Di Bello, l'ex carabiniere che ha ritrovato i resti del piccolo Gioele

MessinaToday è in caricamento