Mercoledì, 17 Luglio 2024

Dal pallino per l'archeologia all'incontro con l'arte, Billy presenta la sua mostra: "Ecco come ho trovato il mio posto nel mondo" | VIDEO

Il giovane artista messinese, studente "fragile" del Liceo artistico "E. Basile", inaugurerà al Palacultura la prima personale il 9 giugno. Nel corso della conferenza stampa ha raccontato il percorso che lo ha condotto a trovare nelle arti figurative il modo per esprimere le sue "paure", ma anche le sue passioni e tutta la sua personalità

"Mi piacevano i dinosauri e volevo fare l'archeologo, poi, mettendo insieme dei ritagli di giornale, ho cominciato a creare i personaggi delle mie opere". È un fiume in piena Billy Davì, giovane artista messinese, diplomando del liceo artistico "E. Basile", che ha presentato questa mattina a Palazzo Zanca "Il Granchio", la sua prima personale

Questo è per l'artista italo-americano, con disturbo dello spettro autistico, il primo tassello di un percorso che, affiancato dai docenti Fabio Di Bella e Serena De Francesco, che lo hanno seguito nel corso della sua formazione artistica e personale durante gli anni al liceo diretto dalla preside Caterina Celesti, proseguirà con altre esposizioni in contesti nazionali già interessati alle sue creazioni. Ma non solo. 

La conferenza stampa è stata occasione da parte dell'amministrazione comunale insieme con il docente Fabio Di Bella, di prendere l'impegno per la collaborazione, insieme a fondazioni, associazioni, ordini professionali e liberi professionisti del territorio, al fine di creare un documento da presentare alla Biennale Internazionale di Venezia per la realizzazione del primo padiglione alla disabilità, al fine di offrire a Billy la prestigiosa presenza al suo interno con l’obiettivo di assicurare la continuazione del suo percorso artistico.

"Come Billy ci sono tanti altri ragazzi - ha sottolineato Di Bella - E il suo percorso non deve andare perduto ma deve diventare invece modello e riferimento nazionale e internazionale nel mondo dell'arte". La mostra, patrocinata dal Comune di Messina, sarà inaugurata venerdì 9 giugno al Palacultura “Antonello” e sarà visitabile anche sabato 10, dalle ore 17 sino alle 21.

"Billy Davì rappresenta una eccellenza messinese che grazie alla sua arte riesce a coinvolgere anche i non addetti ai lavori - ha detto l'assessore allo spettacolo Massimo Finocchiaro - Oltre a farsi apprezzare per la bellezza delle opere e la bravura dell’artista, l’arte rappresenta in questo caso anche uno strumento di inclusione sociale”. 

Su proposta della Quinta Municipalità il Comune di Messina ha infatti offerto il foyer del Palacultura per accogliere la personale. "La nostra amministrazione vuole dare spazio alla creatività e all'espressività dei talenti della città anche attraverso questa forma di cultura da far conoscere a tutto il territorio", ha aggiunto l'assessore alle politiche sociali Alessandra Calafiore. "I giovani che ci rendono orgogliosi devono diventare protagonisti e per questo li supportiamo come possiamo", ha chiosato l'assessore alle politiche giovanili Liana Cannata. 

Alla conferenza stampa, oltre al consiglio della quinta municipalità, presieduto da Raffaele Verso, e alla presidente della commissione cultura Beatrice Belfiore, ha partecipato anche Bruno Barlassina, della Fondazione degli Architetti del Mediterraneo della provincia di Messina. 

Video popolari

MessinaToday è in caricamento