rotate-mobile
Cronaca

Test It-alert, in arrivo sui telefonini in Sicilia messaggio di allarme per grave emergenza

La presentazione in prefettura per la prova del 5 luglio. Cos'è e come funziona la sperimentazione del sistema nazionale di allarme pubblico per informare la popolazione su catastrofi imminenti o in corso

Prima è toccato alla Toscana e alla Sardegna, da domani mercoledì 5 luglio la prima sperimentazione di It-alert, sistema di allarme pubblico nazionale, arriverà anche in Sicilia. Entro la fine dell'anno saranno coinvolte tutte le regioni della penisola (7 luglio Calabria, 10 luglio Emilia-Romagna).

Si tratta di un test, un messaggio di "prova" su tutti i cellulari, con l'obiettivo è che It-alert possa avvisare la cittadinanza in futuro in caso di gravi emergenze o catastrofi ambientali, presentato ieri in prefettura a Messina, città dove il sistema ha già fatto il suo debutto con il test per l'isola di Vulcano.

Su milioni di cellulari arriverà un messaggio di allarme per una grave emergenza. Gli smartphone di milioni di cittadini italiani suoneranno, anche se impostati in modalità silenziosa, annunciando una situazione di gravissimo pericolo, una catastrofe imminente o in corso. Ma i cittadini possono stare tranquilli: si tratta - come dicevamo -  soltanto di un test. Come avvenuto lo scorso 23 aprile nel Regno Unito, anche l'Italia si prepara infatti alla sperimentazione di un sistema di allerta chiamato "It-alert".

La prefetta Cosima Di Stani ha sottolineato che questo sistema di allerta non sostituirà ma integrerà i sistemi di comunicazione già in uso ed è pensato per avvisare i cittadini in caso di emergenze come maremoti, frane di dighe, eruzioni vulcaniche, incidenti industriali o nucleari e forti piogge. Chi riceverà l’alert il 5 luglio non dovrà far nulla se non leggere il messaggio. 

“Una prova necessaria, nessuna paura – informano il Sindaco Federico Basile e l’assessore alla Protezione Civile, Massimiliano Minutoli -. “Il test servirà a capire se il servizio e la tecnologia attuali in uso funzionano o necessitano di miglioramenti per raggiungere tutti i cittadini in possesso di un cellulare. Ricevuto il messaggio – spiega Minutoli - bisognerà premere OK e contribuire al suo miglioramento compilando il questionario che viene proposto. IT-alert, comunque, non sarà l’unico sistema di informazione della popolazione, ad esso si affiancano, come indicato anche dalla Protezione Civile, i sistemi locali già esistenti, nel caso di Messina il sito istituzionalecon la sezione dedicata alla Protezione civile e anche l’app Alert-System che l’Amministrazione comunale ha deciso di attivare e che tutti possono scaricare anche dal sito Internet del Comune e dove ci si può registrare per ricevere i messaggi telefonici, anche su telefono fisso, e gli sms nel caso di  informazioni urgenti alla cittadinanza”. 

L’invito per tutti, che abbiano ricevuto correttamente il messaggio o meno, è quello di andare sul sito www.it-alert.it e rispondere al questionario, le risposte degli utenti, infatti, consentiranno di migliorare lo strumento. Superata la fase di test, IT-alert consentirà di informare direttamente la popolazione in caso di gravi emergenze imminenti o in corso, in particolare rispetto a sei casistiche di competenza del Servizio nazionale di Protezione civile: maremoto (generato da un terremoto), collasso di una grande diga, attività vulcanica (per i vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli), incidenti nucleari o emergenze radiologiche, incidenti rilevanti in stabilimenti industriali o precipitazioni intense. 

Ma di cosa si tratta, nello specifico, e come funziona?

"Il sistema - viene spiegato - opera nei casi di gravi emergenze o eventi catastrofici imminenti o in corso. Il servizio It-alert dirama a tutti i telefoni cellulari presenti in una determinata area geografica un allarme pubblico tramite un messaggio di testo che contiene informazioni utili sullo scenario di rischio e sulle relative misure di autoprotezione ad adottare rapidamente". Il messaggio viene notificato sul dispositivo "da un suono d'allarme udibile anche se il cellulare è silenziato".

Entro la fine del 2023 verranno effettuati i test nelle altre regioni e nelle province autonome di Bolzano e Trento. L'obiettivo del test è quello di far conoscere It-alert come nuovo sistema di allarme pubblico che, in caso di gravi emergenze e catastrofi imminenti, potrebbe raggiungere i territori interessati. In questa fase non si entra nel dettaglio dei rischi e dei comportamenti da tenere. Le tipologie di rischio che vengono, al momento, previste dalla direttiva ai fini dell'utilizzo di It-alert sono le seguenti:

  • maremoto generato da un sisma;
  • collasso di una grande diga;
  • attività vulcanica, relativamente ai vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli;
  • incidenti nucleari o situazione di emergenza radiologica;
  • incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose in stabilimenti soggetti al decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105;
  • precipitazioni intense.

It-alert: che cos'è e come funziona

Come si legge sul sito che spiega l'iniziativa, It-alert è un nuovo sistema di allarme pubblico per l'informazione diretta alla popolazione, che dirama ai telefoni cellulari presenti in una determinata area geografica messaggi utili in caso di gravi emergenze o catastrofi imminenti o in corso. It-alert è attualmente in fase di sperimentazione. Quando sarà operativo, per determinati eventi emergenziali, il servizio nazionale della protezione civile con It-alert "integrerà le modalità di informazione e comunicazione già previste per informare la popolazione, allo scopo di favorire l'adozione delle misure di autoprotezione in rapporto alla specifica tipologia di rischio e al contesto di riferimento".

It-alert, infatti, "si affianca ai sistemi di allarme già esistenti anche a livello locale, non è salvifico in sé, ma è finalizzato, rispetto a un determinato evento avvenuto o imminente, a consentire la diramazione rapida delle prime informazioni sulle possibili situazioni di pericolo". Il messaggio It-alert viene ricevuto da chi si trovi nella zona interessata dall'emergenza o dall'evento calamitoso e abbia un cellulare attivo. Il servizio IT-alert è conforme allo standard internazionale "Common Alerting Protocol" (CAP) per garantire la completa interoperabilità con altri sistemi, nazionali e internazionali, di divulgazione di allerte, allarmi di emergenza e avvisi pubblici.

It-alert è un servizio pubblico che, inviando messaggi sui dispositivi presenti nell’area interessata da una grave emergenza o da un evento catastrofico imminente o in corso, favorisce l'informazione tempestiva alle persone potenzialmente coinvolte, con l'obiettivo di minimizzare l'esposizione individuale e collettiva al pericolo. I messaggi It-alert viaggiano attraverso "cell-broadcast". Ogni dispositivo mobile connesso alle celle delle reti degli operatori di telefonia mobile, se acceso, può ricevere un messaggio "It-alert". Grazie alla tecnologia cell-broadcast i messaggi It-alert possono essere inviati all'interno di un gruppo di celle telefoniche geograficamente vicine, capaci di delimitare un'area il più possibile corrispondente a quella interessata dall'emergenza.

Il cell-broadcast funziona anche in casi di campo limitato o in casi di saturazione della banda telefonica. I dispositivi non ricevono i messaggi It-alert se sono spenti o se privi di campo e potrebbero non suonare se con suoneria mutata. Sebbene non sia necessario scaricare alcuna app per ricevere i messaggi, in alcuni casi potrebbe essere necessaria una preventiva verifica della configurazione del dispositivo, come nel caso sia stato effettuato il ripristino di un back up o se si sta utilizzando una vecchia versione del sistema operativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test It-alert, in arrivo sui telefonini in Sicilia messaggio di allarme per grave emergenza

MessinaToday è in caricamento