Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Processo Terzo Livello bis, Emilia Barrile condannata a tre anni e otto mesi

Un anno con pena sospesa per l'ex direttore dell'azienda trasporti Daniele De Almagro. L'avvocato Silvestro preannuncia un nuovo ricorso in Cassazione: "Il reato di induzione indebita era già stato escluso"

Condannata nuovamente in appello ma solo per induzione indebita a dare o promettere utilità l'ex presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile a tre anni e otto mesi, per lo stesso reato sentenza di condanna a un anno (pena sospesa) anche per l'ex direttore generale dell'allora azienda trasporti municipale Daniele De Almagro. Si è concluso in Corte d'Appello l'ultimo (ma i legali già preannunciano un nuovo passaggio in Cassazione) iter del processo Terzo Livello. Barrile, difesa dall'avvocato Salvatore Silvestro, e De Almagro, assistito da Alessandro Billè, sono stati assolti da tutti gli altri capi di imputazione che erano rimasti a loro carico. Assolti pure il commercialista Marco Ardizzone e Giovanni Luciano. 

Nel marzo 2022 la Cassazione aveva escluso l'associazione a delinquere rimandando alla Corte di Appello di Messina il procedimento per una nuova pronuncia con un quadro accusatorio rispetto al primo grado fortemente ridimensionato. 

Al termine dell'udienza l'avvocato Silvestro ha dichiarato: "La mia assistita, assolta da tutte le imputazioni rimaste, è stata invece condannata dalla Corte di Appello  per un solo reato non ritenuto ammissibile e già escluso dalla Corte di Appello in diversa composizione che lo aveva riqualificato in traffico di influenze, in pratica un reato che non c'era più, una decisione che ci sorprende e che comunque ridimensiona fortemente il quadro accusatorio iniziale ma ricorreremo ugualmente in Cassazione". 

Barrile e De Almagro sono stati condannati anche al pagamento in favore delle Parti civili Atm e Comune (Palazzo Zanca è stato difeso dall'avvocato Giovanni Mannuccia) di 1.200 euro ciascuno. Alla Barrile l'interdizione perpetua dai pubblici uffici è stata riconvertita in cinque anni e ha revocato quella legale per la durata della pena secondo quanto deciso dal presidente della Corte di Appello Carmelo Blatti. 

Al centro del processo il ruolo della cooperativa Universo e Ambiente legata all'ex presidente del Consiglio comunale le presunte pressioni per ricevere gli affidamenti alle stesse ditte che ruotavano e non cambiavano mai secondo l'accusa. La Barrile, in primo grado il 22 ottobre 2019 aveva subito la condanna a otto anni e tre mesi, nel dicembre 2020 aveva invece ricevuto il dimezzamento della pena. La Cassazione aveva escluso nel marzo 2022 l'associazione a delinquere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Terzo Livello bis, Emilia Barrile condannata a tre anni e otto mesi
MessinaToday è in caricamento