rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Operazione knock down, chieste condanne esemplari per i clan di Santa Lucia sopra Contesse

Sono in nove accusati di gestire e far parte della rete di spacciatori che gestiva il giro di droga nella zona sud, smantellata dalla polizia lo scorso luglio. Le richieste del pm Fridà per un totale di 114 anni

Chiede pene esemplari il pubblico ministero Antonella Fradà della Distrettuale antimafia per i protagonisti dell’operazione  "Knock down" che a luglio ha portato in carcere il “pericolosissimo gruppo” di Santa Lucia Sopra Contesse dedito allo spaccio di droga. Una compagine disarticolata dalla Squadra Mobile in grado – secondo gli investigatori - in grado di procurare qualunque tipo di sostanza stupefacente, dall’erba allo skunk, ma anche protagonisti di violenti pestaggi e ricatti a scopo sessuale. 

La tesi degli inquirenti è stata confermata dal pm per i novi imputati che hanno scelto il rito abbreviato e che oggi sono apparsi davanti al giudice Mara Militello.

Le richieste 

Carmelo Alati 9 anni e 3 mesi,  Antonino Aloisi 20 anni e 2 mesi, Salvatore Arena 21 anni e 7 mesi, Angelo Arrigo 9 anni e 3 mesi, Matteo Fiore 24 anni e 1 mese, Roberto Rizzo 9 anni e 3 mesi, Domenico Romano 6 anni e 7 mesi, Daniele Settimo 7 anni e un mese e Nicola Marra otto anni e 7 mesi.

Impegnati oggi nella difesa gli avvocati Salvatore Silvestro per discutere la posizione di Aloisi e gli avvocati di Giuseppe Bonavita e Antonio Bongiorno, legali di Nicola Marra.

L'udienza è stata aggiornata al 21 per le arringhe degli altri legali Nino Cacia, Carmelo Picciotto, Giuseppe Lipera, Rosa Guglielmo e Antonio Bongiorno.

L’indagine era partita dopo una spedizione punitiva che nel novembre 2018 aveva mandato in ospedale un ragazzo in prognosi riservata per un debito di soli 200 euro legato all’acquisto della droga. “Un massacro”, lo ha definito il gip Fabio Pagana nell’ordinanza di custodia cautelare cha documentato il giro della droga nel rione della zona sud cittadino, i rapporti tra i vari gruppi di pusher e la guerra tra due gruppi familiari, quello degli Arrigo e dei Bonanno, terminata poi con la “pax” in nome degli affari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione knock down, chieste condanne esemplari per i clan di Santa Lucia sopra Contesse

MessinaToday è in caricamento