rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Cronaca

Profughi e minori ucraini non accompagnati, in prefettura l'analisi su cosa fare

A Palazzo del Governo riunioni per garantire la massima accoglienza alla popolazione in fuga dalle zone di guerra. Le circolari diramate per gli aiuti

Prosegue senza sosta l’attività di indirizzo e coordinamento della Prefettura di Messina in relazione alla gestione della crisi umanitaria correlata agli eventi bellici in corso in Ucraina ed al conseguente afflusso in Italia di uomini, donne e bambini in fuga dalle zone di guerra. 

La Prefettura con diverse circolari dell’8 e del 9 marzo ha posto in essere una ricognizione dei beni confiscati alla criminalità organizzata e degli immobili, a vario titolo, nella disponibilità delle amministrazioni locali e degli enti, volta ad un esaustivo monitoraggio della possibile logistica dedicata all’accoglienza, fornendo altresì ai Sindaci ed ai Commissari dei Comuni della provincia indicazioni per garantire gli interventi e la gestione della posizione dei cittadini ucraini che hanno fatto e faranno ingresso in quest’Area metropolitana, con particolare attenzione ai minori ucraini non accompagnati, la cui presenza è da segnalare, oltre che alla stessa Prefettura, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Messina ed alla Questura. In particolare, la Circolare indirizzata agli amministratori degli enti locali illustra il tema degli adempimenti amministrativi cui sono tenuti i cittadini ucraini e coloro che offrono ospitalità; gli aspetti attinenti l’ambito sanitario, tra cui l’esecuzione dei test diagnostici per infezione da SARS-CoV-2 e la somministrazione di vaccini anti Covid-19 e delle altre vaccinazioni di routine; la problematica alloggiativa, con indicazioni in merito alla possibilità di inserimento nelle strutture di prima accoglienza (CAS) e nel Sistema di accoglienza e integrazione (SAI), e di ricorso alle offerte di disponibilità alloggiative a titolo gratuito, provenienti da persone fisiche, enti ed associazioni.

Un ulteriore incontro presieduto dal prefetto, Cosima Di Stani, si è svolto, sempre presso il Palazzo del Governo, nel pomeriggio di oggi, alla presenza dei vertici della Città metropolitana e del Comune di Messina, del Questore, del Tribunale per i minorenni, della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, dell’ASP, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, nonché del locale Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza e dei referenti per la Sicilia Orientale dell’Unicef, dell’UNHCR (Agenzia ONU per i rifugiati) e dell’Organizzazione Save the Children per affrontare le delicate modalità legate ad una ottimale assistenza ed accoglienza dei minori ucraini non accompagnati. Sul sito istituzionale della Prefettura di Messina è stata realizzata, inoltre, una Sezione dedicata all’Emergenza Ucraina, nella quale possono essere consultati, tra l’altro, i documenti informativi predisposti in lingua italiana, inglese ed ucraina, dal Ministero dell’Interno per l’accoglienza dei cittadini ucraini, nonché le Circolari adottate dalla Prefettura e la scheda predisposta per censire la presenza sul territorio dei profughi da compilare a cura dei Comuni. È stata costituito, infine, in data odierna, il Ccs (Centro Coordinamento Soccorsi) da tenersi anche in modalità telematica per una gestione condivisa di ogni evenienza relativa all’Emergenza in corso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi e minori ucraini non accompagnati, in prefettura l'analisi su cosa fare

MessinaToday è in caricamento