Cronaca Lipari

Immagina un futuro per le Eolie, proposte e progetti per un arcipelago “sostenibile”

L'associazione FuturEolie che raccoglie cittadini eoliani, emigrati e non, stila un piano con sedici punti per rilanciare agricoltura, turismo non solo estivo e business ecologico. L'appello alle istituzioni e l'impegno a reperire fondi pubblici e privati

Immaginiamo delle Isole la cui economia viva non solo di turismo estivo. Immaginiamo Isole che recuperino il rapporto con la loro terra. Immaginiamo anche un’economia basata sulla cultura, la scienza e l’archeologia.

Non è una rivisitazione della celebre canzone Immagine di Jhon Lennon ma un programma di lavoro che FuturEolie ha stilato offrendo la propria collaborazione - anche con assistenza tecnica qualificata per la ricerca di finanziamenti pubblici e privati - a istituzioni locali, provinciali, regionali, nazionali ed europei che si impegneranno a raggiungere gli obiettivi del programma.

L’associazione ha stilato infatti sedici punti indispensabili al rilancio delle isole che sposano una nuova visione, quella dello sviluppo sostenibile, nel pieno rispetto dell’Ambiente, sia terrestre, sia marino, nel pieno rispetto della dignità dei suoi abitanti, utilizzando tutte le potenzialità presenti sul territorio e quelle presenti fuori dall’Arcipelago ma che si sentano parte integrante dello stesso.

Le proposte spaziano dall’offerta turistica che parta da pacchetti di trekking, escursionismo vulcanico ed altre attività da svolgere nella natura al wellness ma anche alle attività di meditazione e turismo spirituale, alla ripresa delle attività agricole abbandonate da anni per la produzione di prodotti biologici e a km.0, implementando quanto già avviene con capperi, vino e malvasia.

Ma in primo piano c’è anche cultura, scienza e archeologia, a cominciare dal potenziamento del Museo Archeologico Eoliano, che potrebbe espandersi fino a coprire la storia della pomice, la storia del confino politico, la storia della grande migrazione, la storia del cinema nelle isole, il miracolo dello sviluppo economico negli anni 70.  

L'associazione Futureolie raccoglie eoliani emigrati e non, ma anche forestieri che hanno un rapporto speciale con le Eolie e con i loro abitanti.

Ecco alcuni punti del programma che parte dalla messa in sicurezza delle strade, miglioramento della pulizia e raccolta dei rifiuti e attenzione al fenomeno del randagismo.

Emergenza acqua

Risoluzione definitiva dell'annoso problema. Progetti da sviluppare e valutare tenuto conto del Piano Economico Finanziario redatto dall’Ente competente. Valutare anche la possibilità dell’installazione di impianti di desalinizzazione anche nelle altre isole e l’aumento di potenza di quello di Canneto, a Lipari.

San Calogero e lo sviluppo termale

È l'annoso problema, di cui si parla da almeno 35 anni. Sarà dato spazio alle idee di tutti, magari istituendo un concorso apposito con la presentazione e premiazione del progetto migliore.  Anche l'area archeologica attorno merita di essere valorizzata e magari collegata al Museo Archeologico. La Tholos micenea sembra infatti essere un unicum, essendo considerata la più antica costruzione termale del Mediterraneo.

Da sviluppare anche le potenzialità termali di tutte le isole, anche con lo sviluppo di partenariati con altri comuni termali italiani.

Turismo e barriere architettoniche

a) Incentivo del Turismo in periodi di bassa stagione, con l’intento di allungare/anticipare l’offerta turistica e di svago per i visitatori. Identificazione e sviluppo di percorsi segnalati di trekking su tutte e sette le isole, sviluppo di pacchetti turistici alternativi, legati al turismo religioso, al turismo congressuale, a manifestazioni sportive, culturali, folcloristiche e incontri di meditazione in particolare in ambienti naturali che ne favoriscono lo sviluppo. Studiare e creare percorsi ciclistici e per piste per gli amanti della corsa.

b) Installazione segnaletica di “Benvenuto” agli arrivi delle navi e degli aliscafi, con la scritta “Patrimonio dell”UNESCO”. Installazione di idonea cartellonistica pubblicitaria delle attrazioni archeologiche e culturali dell’Isola, da progettare unitamente all’ente proprietario del sito di installazione.

c) Abbattimento delle barriere architettoniche soprattutto legate all’impossibilità di accedere a patrimoni culturali d’interesse nazionale.

d) Valorizzazione del patrimonio enogastronomico locale con organizzazione di eventi. Valorizzazione dei prodotti locali attraverso la creazione di itinerari.

e) Recupero delle attività di artigianato storico locale, anche con specifici corsi di formazione, concorsi e fiere espositive.

Collaborazioni con università e associazioni produttive

a) Al fine di possibili studi sullo sviluppo turistico e del business ma anche sul coinvolgimento delle Isole Eolie in programmi e progetti scientifici e piani di ricerca delle Università, specie quelle facoltà di geologia e vulcanologia, oltre che di biologia marina, anche al fine di realizzare laboratori specifici.

b) Instaurazione di relazioni con associazioni di categorie produttive al fine di attirare investimenti e conseguentemente aumentare l’offerta di lavoro sulle isole.

c) Costituzione di una rete tra le Associazioni partecipative sulle Isole, al fine di suddividere ruoli e compiti, integrare le progettualità, evitare inutili accavallamenti di attività. Armonizzare e sostenere tutti i programmi e le iniziative comuni con le altre realtà associative delle isole nel rispetto delle singole autonomie.   

Museo archeologico eoliano

Esplorare e progettare, d’intesa con gli organi competenti, un ampliamento del Museo Archeologico, estendendo il periodo d’indagine storica e archeologica delle isole, inglobando anche la storia della pomice, la storia delle Eolie durante le due guerre mondiali, la storia della grande migrazione dalle isole, la storia del cinema etc. Prevedere creazione di eventuali sezioni distaccate del museo, visitabili con lo stesso biglietto.

Collegamenti interni ed esterni

Miglioramento della viabilità interna e ricerca nella valorizzazione di itinerari sul territorio locale.  Potenziare e migliorare i collegamenti con le isole dell’arcipelago eoliano a livello nazionale, aumentando, se possibile, i collegamenti con altri porti delle maggiori località italiane.  Calmierare i costi dei biglietti soprattutto ricercando possibilità di offerta pacchetti viaggio per le famiglie.

Programmi invernali ed estivi 

Sostegno nella redazione di un programma annuale di eventi culturali e di attrazione turistica per il periodo Natalizio, Capodanno, Carnevale, Pasquale ed Estivo, inserendo in tale programma eventi di respiro internazionale, eventualmente cercando partenariati con altri Enti di Fama (come ad es, Il Taormina Film Festival), promuovendo Premi legati al mondo della letteratura e del teatro, ai quali si darà grande risalto sui media italiani e internazionali.  Ideare e promuovere eventi sull'ecologia, il mare, i Vulcani, le isole del Mediterraneo. Rievocazioni storiche (esempio, l'attacco del Barbarossa e la strenua difesa dei Liparoti), conferenze scientifiche e tutto ciò che possa richiamare turismo di élite e far delle nostre isole un richiamo culturale internazionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immagina un futuro per le Eolie, proposte e progetti per un arcipelago “sostenibile”

MessinaToday è in caricamento