Pericolo a Ginostra, il capo della Protezione civile scrive a sindaco e Regione: interdetta la zona portuale

Il Demanio Marittimo ha già emesso un’ordinanza con decorrenza immediata di interdizione anche nella principale via di fuga della frazione

Sopralluogo a Ginostra

C'è pericolo per l'incolumità pubblica a Ginostra. Lo mette nero su bianco il capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli dopo i rilievi dell'8 gennaio nell'isola di Stomboli in una nota inviata alla Regione Siciliana e al Comune di Lipari in cui si chiedono interventi strutturali urgenti di mitigazione del rischio e azioni volte alla tutela della pubblica e privata incolumità.

Sulla scorta delle richieste del numero uno della Protezione Civile Nazionale, il Demanio Marittimo di Messina, ha già emesso un’ordinanza con decorrenza immediata di interdizione delle aree demaniali circostanti il pontile di Ginostra a tutela della pubblica e privata incolumità. Le aree interessate sono: la zona portuale, e la via San Vincenzo, principale via di fuga della frazione.

A rischio frane e crolli, a causa dell’erosione e delle mareggiate, c'è il costone su cui poggia il centro di Ginostra, nell’isola di Stromboli.

Il sopralluogo tecnico della Protezione civile ha consentito di scrisocntrareche “il muro di contenimento in pietra lavica a protezione dello scalo del Pertuso e a presidio della soprastante scarpata - si legge nella nota di Borrelli - è stato scalzato al piede dall'azione delle mareggiate che hanno prodotto una cavità della dimensione di alcuni metri, il cui ulteriore approfondimento ad opera di successivi meteomarini intensi potrebbe determinare il collasso del soprastante muro. Inoltre, in posizione soprastante il suddetto muro e a pochi metri di distanza dallo stesso, sono stati rilevati alcuni blocchi lapidei in posizione di equilibrio precario, la cui pericolosità appare evidente”.

Borreli ciede infine al sindaco di vigiliare le aree in rassegna in particolare i occasione di eventi meteorologici e meteomarini intensi e di porre in essere “tutte le misure necessarie a tutela della pubblica e privata incolumità e di aggiornare, ove non effettuato, il piano comunale di protezione civile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso a Messina ma non è il ceppo "cinese": "Nessun allarme"

  • Da alcuni giorni non si avevano più sue notizie, anziana trovata cadavere in via del Carmine

  • Cede un tombino in via Dei Mille, 57enne sprofonda per cinque metri

  • "Abusi sessuali su paziente dopo averla drogata", infermiere del Policlinico in ferie forzate

  • Sorpresi a fare sesso in piazza Repubblica: multa e daspo per una coppia focosa

  • Il tesoretto all'estero di Francantonio Genovese? Va restituito con gli interessi

Torna su
MessinaToday è in caricamento