Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca

Gli aspiranti psicologi sfidano la pioggia, protesta anche a Messina

Gli abilitandi chiedono pari diritti come i colleghi delle altre discipline. Manifestazione in piazza Unione Europea

Hanno manifestato anche a Messina gli abilitandi psicologi. In piazza Unione Europea hanno sfidato la pioggia per ribadire che la Psicologia è una professione sanitaria al pari delle altre e che deve godere degli stessi diritti delle altre discipline. "Chiediamo - dicono - il riconoscimento previa valutazione del nostro tirocinio come metro di valutazione per l'abilitazione alla professione di psicologo, al pari di quanto già avvenuto per i colleghi medici. Ministro Gaetano Manfredi le chiadiamo di dare ascolto alle parole di questi ragazzi che si stanno battendo per un loro diritto!". 

“Ci rivolgiamo ancora una volta alla politica ed al Governo, affinché diano, subito, risposte alle istanze di migliaia di giovani che in questi mesi hanno con forza chiesto le lauree e il tirocinio abilitante – ha detto a Roma Enrico Gulluni Coordinatore nazionale Unione degli Universitari - scendiamo in piazza per rivendicare il nostro futuro, per chiedere di abolire questi inutili sbarramenti che altro non fanno che evocare il medievale concetto di protezionismo. Chiediamo che i nostri titoli siano valorizzati e resi abilitanti, che sia riconosciuto il nostro percorso formativo, che venga riconosciuto il diritto a lavoro”. Gli psicologi hanno anche parlato dell’esame di stato per l’abilitazione previsto in modalità telematica in prima sessione il 16 luglio in seconda sessione il 16 novembre 2020 e che è stato ribattezzato “Esame Mani in Alto” perché durante lo svolgimento della prova on line, le mani dei candidati devono essere ben in vista nell’inquadratura del Pc, gli occhi sempre puntati sulla telecamera, prima di dare avvio all’esame occorre inquadrate tutto lo spazio intorno e, qualora dovesse cadere la connessione internet la prova potrebbe essere non valida. Si tratta inoltre di una prova senza alcun schema su cui gli esaminati si possono basare, un esame che, se prima era svolto in 4 prove spalmate in tre mesi, ora verrebbe srotolato in 30 minuti ma senza sapere come.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli aspiranti psicologi sfidano la pioggia, protesta anche a Messina

MessinaToday è in caricamento