rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca

Rifiuti ma anche topi e serpenti nei torrenti, il Comune chiede invano l'intervento della Regione

Il presidente del terzo Quartiere Alessandro Cacciotto accende i riflettori sulla bonifica dei corsi d'acqua partendo da Cumia. Ancora nessun intervento dall'Autorità di Bacino

Rifiuti, topi e perfino serpenti. Questa la situazione del torrente di Cumia su cui ha acceso i riflettori il presidente del terzo Quartiere Alessandro Cacciotto. Ma quanto segnalato dall'esponente di Fratelli d'Italia si può estendere anche ad altri corsi d'acqua cittadini, spesso utilizzati come discariche nonostante la sorveglianza del Comune e le operazioni di bonifica. Interventi che, come sottolinea lo stesso Cacciotto, non hanno coperto tutto il territorio. "Se è vero che alcuni alvei torrentizi sono stati oggetto di interventi, ce ne sono altri, come il torrente di Cumia, che necessitano di urgenti interventi di bonifica. Stamattina sono stato contattato da un residente che mi ha rappresentato la presenza di topi, addirittura di un serpente, oltre che di sterpaglie nel torrente. È dunque necessario che l'amministrazione comunale predisponga tutto quanto necessario per garantire igiene oltre che sicurezza per i residenti di Cumia.  Senza dimenticare che il villaggio, come più volte attenzionato dal Consiglio della terza Municipalità, necessità urgentemente di una messa in sicurezza di tutto il territorio".

Ma il problema è a monte. Come chiarito dallo stesso Cacciotto al termine del dialogo con l'assessore competente Francesco Caminiti, Palazzo Zanca attende ancora un feedback dalla Regione per programmare le operazioni di pulizia e messa in sicurezza. "L'amministrazione comunale ha chiesto all' Autorità di Bacino di adoperarsi ma senza avere alcun riscontro.  Per queste ragioni invierò una richiesta scritta sia all' Autorità di Bacino che all' Amministrazione Comunale tenuto conto che tanti interventi sui torrenti sono divenuti indifferibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti ma anche topi e serpenti nei torrenti, il Comune chiede invano l'intervento della Regione

MessinaToday è in caricamento