Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Sicurezza a Messina, la questora Ioppolo: "Più controlli e denunce, con la prevenzione calano i reati"

La fotografia di un anno di attività della Questura. “L'obiettivo è riuscire a fare percepire ai cittadini la nostra presenza sul territorio". I risultati contro la violenza di genere e maggiore attenzione rivolta alla piaga dell'usura

La voce più importante è quella sulla prevenzione. Più controlli su persone e documenti, più attenzione ai locali e alle strade nei luoghi della movida, ma anche Daspo e denunce. È la fotografia della Questura di Messina, in occasione degli auguri di Natale e fine anno, fornita dalla questore Gabriella Ioppolo. Nella sede di via Placida, Ioppolo ha precisato di non voler fare un bilancio sui risultati dell'attività del 2022 - che spetta alla città e agli organi di stampa - ma è stata comunque l’occasione per delineare i punti principali del lavoro svolto in Questura e gli impegni per il prossimo anno a cominciare dagli appuntamenti con le scuole di ogni ordine e grado per gli incontri sulla legalità.

"Abbiamo impiegato il personale per dare maggiore percezione della sicurezza in città e credo che ci siamo riusciti", ha spiegato Ioppolo. Rientrano in questa direzione anche gli sforzi fatti per recuperare la statua della Madonna fatta sparire nella notte tra il 15 e il 16 dicembre scorso in via santa Marta e ritrovata ieri mattina a Fondo Pugliatti. "Abbiamo posto grande attenzione ai quartieri maggiormente a rischio come Bisconte, Giostra, i quartieri nord della via Palermo con servizi straordinari di controllo del territorio ogni settimana, ogni week end - ha continuato Ioppolo -  Oltre le grandi attività di indagine con arresti e sequestri sul traffico droga, non è stata ignorata neanche la richiesta che è arrivata dai residenti della zona centrale della città nate dall’esigenza di garantire tranquillità nei luoghi della movida. Sono state sospese attività, fermate serate danzanti”.

Nessun allarme invece sulla ventilata presenza di baby gang nel "salotto della città".  "Non c'è alcun allarme in tal senso", ha rassicurato la questora annunciando comunque la presenza a breve con un camper della Polizia a Piazza Cairoli.

“L'obiettivo è riuscire a fare percepire ai cittadini la nostra presenza sul territorio con un'attività di maggiore controllo", ha sottolineato Ioppolo che ha snocciolato pochi ma significati numeri: oltre 250 arresti e 850 denunce per reati gravi testimoniano l’impegno nel 2022 “anche con l’ausilio dell’Annona”.

Risultati in particolare contro la violenza di genere. “Dal momento dell’intervento, a quello dell’ascolto alla fase dell’indagine di polizia giudiziaria ci sono stati risultati importanti con ammonimenti, arresti e allontamenti. Speriamo possa rafforzare questi risultati il protocollo Zeus che ci ha permesso di prendere accordi con l’associazione di volontariato Cotulevi per seguire anche il soggetto maltrattante affinché intraprenda percorsi di riabilitazione”.

Particolare attenzione è rivolta alla piaga dell'usura. "Ci sono situazioni che stiamo monitorando. Si tratta di casi non strettamente collegati all'attuale crisi economica ma episodi che si ripetono periodicamente. Stiamo valutando protocolli tra questura e procura per rendere più incisivi i provvedimenti che vengono adottati in questi casi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza a Messina, la questora Ioppolo: "Più controlli e denunce, con la prevenzione calano i reati"
MessinaToday è in caricamento