rotate-mobile
Cronaca

Europee, la Dc tende la mano a Santoro per la raccolta firme: anche De Luca pronto ad aiutare a patto che dica no a Cuffaro

Il segretario regionale del partito ha raccolto l'appello lanciato dal giornalista di Servizio pubblico: "Nessuno ci ha chiesto di farlo, ma vogliamo consentire l’esercizio della partecipazione democratica, che a noi è stata negata". L'intervento del leader di Sud chiama Nord e l'appuntamento a Barcellona Pozzo di Gotto con Moni Ovadia

Si è schierata anche la Dc di Totò Cuffaro per aiutare Michele Santoro, giornalista di Servizio pubblico (piattaforma giornalistica multimediale), ex Rai e La7, a raccogliere le firme per presentare la lista "Pace Terra e Dignità" per le Europee dell'8 e 9 giugno nella circoscrizione Sicilia-Sardegna. La conferma arriva da Stefano Cirillo, segretario regionale della Dc, partito che ha raccolto l'appello lanciato ieri da Santoro. "Nessuno ci ha chiesto di raccogliere le firme per consentire a Santoro di presentare il suo simbolo alle Europee ma, confermo, che lo stiamo facendo".  

L'appello di Santoro

Santoro rischia di non riuscire a presentare la sua lista di candidati per le prossime Europee nella circoscrizione delle isole. Perciò sui social ha lanciato un appello con cui chiede letteralmente «aiuto» a chiunque per raccogliere quante più firme possibili, visto che al momento spiega di essere a rischio «per poche centinaia di firme della Sardegna e della Sicilia, pur avendone raccolto più di 90mila». Santoro si rivolge tanto a chi lo segue sin dai primi passi della lista «Pace Terra e Dignità», tanto a chi non è mai stato d’accordo con lui. Il giornalista chiede una mano per esempio «ai comunisti e ai liberali che non condividono le mie idee sulla guerra ma si rendono conto della loro importanza».

L'aiuto promesso dalla Dc di Cuffaro... e da Sud chiama Nord

Ma l'aiuto della Dc di Totò Cuffaro ha aperto un altro fronte di polemiche con il leader di Sud chiama Nord Cateno De Luca.

"Se Michele Santoro ci fa sapere quante firme gli mancano in Sicilia noi siamo pronti a sostenerlo ma non si faccia mascariare da Totò Cuffaro che poteva non rivelare questa vicenda invece l’ha fatto nel puro stile di un retaggio culturale del quale i siciliani si vogliono liberare. Se Santoro rifiuterà pubblicamente l’aiuto di Cuffaro, siamo pronti a chiedere ai nostri soci ed ai nostri sindaci di firmare la lista di Santoro per il collegio Isole diversamente … prendiamo atto che anche per Santoro i voti non puzzano e neanche le firme …".  scrive su Facebook Cateno De Luca, l'ex sindaco di Messina e sindaco di Taormina.

Europee, la sfida pacifista di Santoro

Cirillo precisa: "Nessuno ce lo ha chiesto"

Ma la mobilitazione di iscritti, militanti e dirigenti della Dc è già scattata perché, spiega Cirillo, "crediamo che anche chi la pensa in maniera diversa ha il diritto di rappresentanza politica. Continueremo a raccogliere anche al congresso provinciale della Democrazia Cristiana che si terrà ad Enna, certi di poter dare il nostro contributo alla democrazia. Ripeto, nessuno della lista di Santoro ci ha chiesto aiuto per raccogliere le firme. Siamo noi che abbiamo raccolto l’appello lanciato a tutti gli italiani dallo stesso Santoro su tutti i social. I democristiani vogliono consentire l’esercizio della partecipazione democratica al voto e contribuire ad una partecipazione che a noi è stata negata".

Totò cerca casa, alla Dc di Cuffaro resta solo uno spiraglio: "Ma alle Europee ci saremo"

La Dc infatti non è riuscita a chiudere accordi con nessun partito, a differenza di altri soggetti politici di centro (dall'Udc a Noi Moderati), con il segretario Cuffaro che si è preso una miriade di insulti e di porte in faccia (da Renzi alla Lega). Ora il soccorso alla lista "Pace Terra e Dignità" che però, assicura Cirillo, non è il preludio ad un accordo. "Categoricamente escludiamo reciproco interesse a candidature in comune. Siamo distanti politicamente, ci unisce il viscerale amore per la pace. Vorrei aggiungere che altre notizia che circolano in queste ore sono prive dì fondatezza. Tutti ci chiedono qual è il nostro piano B e a tutti ho risposto 'il Burundi'", conclude Cirillo.

Gli "appuntamenti di pace" in Sicilia

Intanto continuano gli appuntamenti siciliani per Michele Santoro. Nella giornata di domenica 28 aprile il giornalista insieme a Ginevra Bompiani sarà a Siracusa al Tempio di Apollo, in Largo 25 Luglio dalle ore 19. A Barcellona Pozzo di Gotto, dalle ore 19 in Piazza Duomo, spenderà parole di pace anche l'amico Moni Ovadia, tra i sostenitori del progetto Pace Terra Dignità promosso da Santoro e Raniero La Valle che, proprio in queste ore, hanno condiviso in rete il loro appello per raccogliere firme in Sicilia e Sardegna, unica circoscrizione in cui la lista non ha raggiunto le firme utili. Infine a Vittoria, a Piazza del Popolo dalle ore 19 ci saranno la giornalista Fiammetta Cucurnia insieme a Vauro. I candidati si ritroveranno poi a Palermo nel pomeriggio di lunedì 29 aprile, a Piazza Verdi dalle ore 18, per svelare in diretta streaming le sorti della lista.

Articolo aggiornato alle 13.40 del 28 aprile 2024 // aggiunti appuntamenti in Sicilia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Europee, la Dc tende la mano a Santoro per la raccolta firme: anche De Luca pronto ad aiutare a patto che dica no a Cuffaro

MessinaToday è in caricamento