Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Acque reflue nella rete pubblica fognaria, sequestrati due impianti per reati ambientali

La denuncia dei carabinieri di Brolo in una azienda che produce prodotti in calcestruzzo per l’edilizia. Irregolarità anche nell'impresa artigiana che occupa una porzione dell’area industriale

Violazioni alle norme del Testo Unico Ambientale in relazione allo smaltimento di rifiuti e delle acque reflue. E' la contestazione mossa dai carabinieri che ieri a Brolo hanno svolto un’attività ispettiva insieme al Nucleo Operativo Ecologico di Catania in un’azienda brolese che produce prodotti in calcestruzzo per l’edilizia.

I militari hanno accertato che l’azienda sversava le acque meteoriche e di dilavamento dei prodotti lavorati e stoccati nel piazzale dello stabilimento nella rete pubblica fognaria. Inoltre è stata accertata anche l’assenza della prescritta autorizzazione per le emissioni in atmosfera delle polveri derivanti dal ciclo di lavorazione dell’impianto di produzione cementizio.

I militari hanno altresì accertato che una porzione dell’area industriale era affittata ad un’azienda artigiana che svolge l’attività di lavorazione delle pietre e del marmo. Anche le lavorazioni effettuate da questa seconda azienda presentavano delle irregolarità poiché le acque reflue industriali erano raccolte all’interno di contenitori in plastica inidonei al contenimento del liquido. Inoltre nel suolo, non impermeabilizzato, sono state riscontrate tracce di pregressi scarichi, frammisti a fanghi costituiti dalle polveri del ciclo di lavorazione della pietra. Infine, l’artigiano non era in grado di esibire alcuna documentazione relativa allo smaltimento dei rifiuti, generati dalla sua attività produttiva ed in particolare barattoli di stucchi, colle e dischi obsoleti utilizzati per il taglio delle pietre ed i militari non sono, pertanto, riusciti a verificare come negli anni la ditta avesse smaltito i materiali.

Al termine degli accertamenti, sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura di Patti  per violazioni al Testo Unico sull’Ambiente, il titolare della ditta di produzione di calcestruzzo per le ipotesi di reato di immissione non autorizzata di reflui industriali ed immissioni non autorizzate in atmosfera e l’artigiano per le ipotesi di reato di gestione di rifiuti non autorizzata e immissione non autorizzata di reflui industriali ed  hanno proceduto al sequestro preventivo dei macchinari e degli impianti di produzione di entrambe le aziende.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acque reflue nella rete pubblica fognaria, sequestrati due impianti per reati ambientali

MessinaToday è in caricamento