Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Stagione balneare dal 6 giugno, concessioni demaniali estese al 2033

L'assessore regionale al Territorio e all'Ambiente ha sottoscritto il decreto attuativo della legge 24 del 2019. Le istanze devono essere presentate dall'1 giugno al 31 agosto in via digitale. Dal 22 maggio l'apertura di bar e ristoranti in spiaggia

L’assessore regionale al Territorio e all'Ambiente, Toto Cordaro, ha firmato oggi il decreto attuativo che, come previsto dalla legge regionale 24/2019, prevede l’estensione in Sicilia delle concessioni demaniali fino al 31 dicembre 2033.

Il provvedimento è frutto di un confronto proficuo con tutte le associazioni di categoria, sentita la Quarta commissione parlamentare presieduta dall’onorevole Giusi Savarino. I punti salienti sono: l’immediata estensione al 2033; la presentazione delle istanze (1 giugno-31 agosto 2020) attraverso portale informatico dedicato, che consentirà, per la prima volta, l’avvio delle procedure di concessione del demanio marittimo in via digitale.

Il Coronavirus stravolge l'estate, prenotazioni e turni anche nelle spiagge libere

"Anche in questo campo, dunque - sottolinea l'assessore Cordaro - con il governo Musumeci trasparenza, semplificazione rispetto dei tempo delle procedure amministrative. Nel corso della stessa riunione si è stabilito che dal 22 maggio potranno essere avviate le attività di bar e ristorazione all’interno degli stabilimenti balneari previa circolare del presidente della Regione. E’ stato infine deciso che, fermo restando il nulla osta dell’assessorato alla Sanità, che prevede il previo esame positivo delle acque di balneazione, la stagione balneare in Sicilia aprirà i battenti sabato 6 giugno".

Da venerdì dunque tornano gli aperitivi al tramonto davanti al mare ed anche la possibilità di usufruire dei servizi di ristorazione. “Con il governo regionale si è arrivati ad un buon accordo”, dicono i rappresentanti dei Balneari che plaudono anche alla firma, sempre oggi, del decreto attuativo con cui anche in Sicilia sarà possibile il mantenimento delle concessioni demaniali fino al 2033 nel massimo della semplificazione burocratica. “Su questo punto - spiegano Assoturismo Confesercenti Sicilia, Fiba Confesercenti Sicilia, Sib Confcommercio, Assobalneari Confindustria, Cna Balneari Sicilia e Oasi-Confartigianato - abbiamo trovato massimo sostegno dalla Commissione parlamentare e dal Governo regionale. La procedura per ottenere la concessione avverrà telematicamente e attraverso lo strumento dell’autocertificazione”.

Positivo anche il giudizio sulle misure necessarie alla riapertura dei lidi previste dall’ordinanza regionale 21 del 17 maggio che snellisce e semplifica i parametri fissati dall’Inail, consentendo ai lidi di poter ripartire.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stagione balneare dal 6 giugno, concessioni demaniali estese al 2033

MessinaToday è in caricamento