Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Vaccini anche ai religiosi, De Luca e Zafarana: “Sul vax day troppi disagi, serve un secondo hub al Palarescifina"

I deputati regionali del M5s propongono un’ulteriore location in zona sud: “Ben venga l’intensificazione del servizio per accelerare le vaccinazioni, ma bisogna prevenire assembramenti e code, a tutela soprattutto delle persone più anziane”

 

«Apprezziamo l’intento di accelerare le vaccinazioni e di recuperare il tempo perduto dettato dal momentaneo stop ad Astrazeneca, ma è fondamentale garantire alla cittadinanza il rispetto delle norme di sicurezza, prevenendo qualsiasi disagio, a tutela soprattutto delle persone più anziane».

Così in una nota i deputati regionali del M5s Valentina Zafarana e Antonio De Luca, che commentano le criticità riscontrate nel corso dei Vax Day a Messina, proponendo in particolare la realizzazione di un ulteriore Hub vaccinale nella zona sud della città.

«Quello a cui abbiamo assistito nel corso del weekend nei presidi approntati per la vaccinazione, con particolare riferimento alla giornata di sabato – scrivono - è stato l’esempio lampante della carente organizzazione da parte dell’assessorato regionale alla sanità nel coordinare le Asp e i centri vaccinali. L'esperienza acquisita in oltre un anno di somministrazione dei tamponi evidentemente non è servita a porre in atto le giuste scelte al fine di evitare disagi e assembramenti. Ben venga intensificare il servizio, vaccinando fino a sera, ma occorre dotarsi di un servizio che eviti assembramenti e non ingeneri disagio nella popolazione che attende in coda. Mentre all’interno dei padiglioni l’organizzazione da parte del personale sanitario è stata ottimale, all’esterno degli HUB migliaia di cittadini e di anziani sconfortati e rassegnati hanno atteso per ore il proprio turno sotto la pioggia. Come spesso accade, si cerca di rimediare a posteriori con degli accorgimenti non risolutivi per agevolare le code, quali percorsi coperti e app elimina code, ma senza le prenotazioni e l'assegnazione di una fascia oraria è facilmente prevedibile che torneremo presto a vedere lunghe code fuori dall'HUB vaccinale. Occorrerebbe – concludono - iniziare a predisporre un secondo HUB nella zona sud del territorio Messinese, quale ad esempio il palasport comunale a San Filippo, che ben si presterebbe a tale scopo essendo servito da autostrada e parcheggi».

Intanto proseguono le vaccinazioni all’hub in Fiera dove dopo i disagi dei giorni scorsi in cui si sono registrate file anche di cinque ore si corre ai ripari. Nel frattempo, infatti, grazie alla collaborazione tra l’Ufficio commissariale e la Protezione civile, sono stati allestiti nuovi tendoni anti-pioggia per rendere l’eventuale attesa più confortevole, soprattutto in caso di cattivo tempo; all‘ interno di entrambi i padiglioni sono stati montati bagni all’interno per persone diversamente abili. 

In Fiera, anche oggi, è prevista la somministrazione a insegnanti, forze dell’ordine e persone che vanno dai 70 ai 79 anni e che non rientrano nelle categorie fragili.

Da giorno 17 a vaccinarsi vaccinazioni anche per le categorie religiose, come previsto dalla circolare di ministero e Regione. Oggi è stata la volta di monsignor Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare della diocesi di Messina.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento