Cronaca

Rifiuti, continua la stagione delle proroga: Lentini resta aperta fino al 29 maggio

Slitta ancora la chiusura dell'impianto gestito da Sicula Trasporti. Per Messina ancora una boccata d'ossigeno in attesa di decisioni dalla Regione. Ore contate per gli ultimi cassonetti in città

Foto: Google

Si vive alla giornata in tema rifiuti. Non potrebbe essere altrimenti visto il destino incerto della discarica di Lentini la cui chiusura, prevista per domani 20 maggio, continua ad essere prorogata, dando di fatto una boccata d'ossigeno ai 180 comuni, Messina compresa, della Sicilia orientale. Sicula Trasporti, gestore dell'impianto, ha infatti comunicato che i cancelli di contrada Volpe resteranno aperti fino al prossimo 29 maggio.

Guerra sui rifiuti con la Regione, l'esposto di De Luca contro la gestione Musumeci

Lo consentono le volumetrie attualmente disponibili, Messina Servizi potrà quindi continuare a conferire l'immondizia mentre resta in ballo la soluzione di trasferire i rifiuti fuori regione o addirittura all'estero con un aggravio dei costi già messo in conto. Il piano B resta quello che prevede l'utilizzo della discarica di Siculiana, nell'agrigentino.Ma se tale opzione verrà prevista per tutti i 190 comuni destinati a restare senza una discarica, il rischio è di veder saturare anche altri impianti siciliani che sarebbero costretti a sbarrare i cancelli ai mezzi così come avverrà presto nel Siracusano.

Intanto, è ormai questione di ore e Messina rimarrà senza cassonetti. Gli ultimi, posti nel centro cittadino, verranno eliminati e la differenziata porta a porta sarù realtà su tutto il territorio. Ma l'inciviltà continua a dilagare, alimentata da persone che non intendono adeguarsi alle nuove regole. L'ultima segnalazione in tal senso proviene dalla quinta circoscrizione. A renderla nota è il consigliere Franco Laimo che denuncia la creazione di mini discariche nei quartieri di Giostra, Villa Lina, rione Santa Chiara, Annunziata, Viale Regina Elena, Case Basse Paradiso, Via Palermo, San Jachiddu.

"Non comprendo - precisa Laimo -  come sia possibile ancora oggi, gettare l'immondizia sul marciapiedi, quando esiste un servizio comodo, ovvero quello del porta a porta che funziona e che risolve non pochi problemi, oppure abbandonare vecchia mobilia quando basterebbe chiamare il numero verde di Messina Servizi per programmarne il ritiro o ancora, avere la possibilità di depositare l'oggetto ingombrante, presso una delle tante isole ecologiche presenti in città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, continua la stagione delle proroga: Lentini resta aperta fino al 29 maggio

MessinaToday è in caricamento