Cronaca

La discarica di Lentini sta per chiudere, in Regione corsa contro il tempo per evitare di trasferire i rifiuti all'estero

A Palazzo d'Orleans il tavolo tecnico di ieri con le Srr per trovare soluzioni alternative. Si punta ad ampliare l'impianto di Sicula Trasporti e a nuovi termovalorizzatori. Messina e altri 189 comuni rischiano di veder aumentati i costi di gestione. Intanto il sindaco De Luca prepara un nuovo esposto

Corsa contro il tempo a Palazzo d'Orleans per evitare di dover trasferire buona parte dei rifiuti siciliani in altre regioni o addirittura all'estero. Dal 31 marzo, infatti, la discarica di Lentini chiuderà per sopraggiunta capienza massima, costringendo 190 comuni della parte orientale dell'Isola, tra cui Messina, a dover smaltire altrove l'immondizia.

Ieri a Palermo si è tenuto un tavolo tecnico, convocato con urgenza, tra Srr e governo. Al centro del dibattito, l'individuazione di un piano B per evitare che i costi di gestione dell'intero comparto rifiuti aumentino in modo esponenziale. Secondo indiscrezioni, si attende l'eventuale autorizzazione ad ampliare l'impianto di Lentini bloccando così la chiusura. Questo il primo step di più facile e immediata attuazione. Ma il vero progetto prevederebbe il via alla realizzazione di nuovi termovalorizzatori nelle province dell'Isole, tra cui quella messinese. 

All'orizzonte, intanto, si intravedono i problemi derivanti dalla scelta di Sicula Trasporti di chiudere Lentini. Il sindaco Cateno De Luca è tornato a puntare il dito contro la gestione dei rifiuti, annunciando un esposto di natura contabile e penale contro la Regione. Tutto questo, in attesa che entri nel vivo il nuovo Piano di gestione dei rifiuti urbani che lo stesso governo regionale ha approvato, dopo un tortuoso iter, ad inizio mese. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La discarica di Lentini sta per chiudere, in Regione corsa contro il tempo per evitare di trasferire i rifiuti all'estero

MessinaToday è in caricamento