Cronaca Litoranea Nord

Scene da Suburra al M'ama, gruppi di ragazzi si scontrano nella notte

Testimoni raccontano di aver visto due gruppi di ragazzi scontrarsi e sangue anche nel bagno. Sul posto carabinieri e polizia ma prima delle tre tutto è tornato alla normalità

Qualcosa è successo stanotte al M'ama. Qualcosa che è finita anche col sangue ma sono tutti abbottonati, compresi quelli che hanno assistito alla scena e sono riusciti miracolosamente a fuggire via.

Una lite per motivi banali scoppiata all'interno del locale ha rischiato di avere conseguenze gravissime. Mezzo minuto ma ne scaturisce una aggressione particolarmente violenta con scene di panico e terrore. Di certo si sa che nella notte due gruppi di ragazzi si sono scontrati. Alcuni testimoni raccontano di aver visto gente insanguinata, urla e botte, e hanno tentato di fuggire via.

Sembra anche che l'ingresso del lido di Grotte, sia stato chiuso o per non fare vedere all'esterno quello che succedeva - mentre si aveva già contezza dell'arrivo di un gruppo d'appoggio in soccorso ai perdenti - o forse per aspettare l'arrivo di carabinieri e polizia evitando che qualcuno degli aggressori fuggisse.

Sul posto nel giro di pochi minuti sono intervenute infatti le pattuglie sia della polizia che dei carabinieri, sei in tutto le volanti, e già alle tre la situazione era tornata alla normalità ma - secondo le testimonianze della gente che ha vissuto la drammatica esperienza - qualcuno ha rischiato di rimetterci le penne. 

Appena due mesi fa sono stati condannati a 14 anni di reclusione in appello Alessandro Cutè e Gianfranco Aloisi, i due giovani responsabili della sparatoria al lido-discoteca M'Ama di Grotte, in cui rimase gravemente ferita una trentaquattrenne di Briga Marina, adesso fuori pericolo di vita. I giudici d'appello hanno confermato l'accusa di tentato omicidio. Era la notte del 22 luglio 2017.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scene da Suburra al M'ama, gruppi di ragazzi si scontrano nella notte

MessinaToday è in caricamento