rotate-mobile
Cronaca

Trova un portafogli pieno e lo riconsegna, il messaggio commosso del proprietario: "Gli angeli esistono"

Documenti e soldi ritrovati davanti la statua di Padre Pio. Una bella storia che non poteva non finire con i ringraziamenti del cancelliere Zangla: "Un grande senso civico, di rispetto e di attenzione dell’altro. Mi ero fatto vincere dal panico e dallo sconforto"

Bel gesto di una donna messinese. Trova un portafoglio con dentro denaro in contanti e anche i documenti di chi l’aveva smarrito. Lei non ci pensa un attimo di tenersi quei soldi e con la figlia va all’indirizzo segnato nella carta d’identità e suona al suo campanello di casa.

E’ successo oggi, nella tarda mattinata. A suonare alla porta Ofelia Barbera e la figlia Cristiana Ferrigno, giovane borsista di ricerca all Università degli Studi di Messina e giornalista pubblicista. Ofelia stava camminando vicino la statua di Padre Pio sulla circonvallazione quando ha visto sull’asfalto poco davanti a lei il portafogli di cuoio, si è fermata e l’ha raccolto: era un portafoglio, anche bello gonfio, l’ha aperto ed ha visto che conteneva documenti e carte sparpagliate a terra. Non ha neppure contato quanti biglietti di euro c’erano dentro. Giunta a casa ha raccontato del ritrovamento e la figlia l’ha accompagnata per la restituzione. Era il portafogli di un cancelliere del Palazzo di Giustizia di Messina.

Quando le due donne hanno suonato al campanello di casa, è stato la figlia di Heriberto Zangla ad aprire la porta e appena li ha viste con i volti sorridenti ha capito che quelle due mai viste prima stavano portando una bella notizia. Quando poi hanno tirato fuori quel portafoglio è diventato Zangla è diventato raggiante, si è commosso. E non ha potuto fare a meno di notare che il portafogli trovato accanto a Padre Pio conteneva proprio l'immaginetta del santo.

"L'ho restituito facendo quello che dovrebbero fare tutti e che ritengo debba essere la normalità", sono le parole di Cristiana che racconta come nell’ultimo anno gli è successso due volte di dover portare documenti in questura ritrovati per strada.

Ma la bella storia non poteva che finire con i ringraziamenti di Zangla: "Gli angeli esistono – ha scritto nel suo profilo facebook - Smarrisco il portafoglio con dentro tutto, documenti, carte di pagamento, appunti essenziali. Mi faccio vincere, prima, dal panico, poi, dallo smarrimento, e dallo sconforto e, infine, dalla disperazione. Mentre assisto i miei per il pasto, suonano alla porta e mia figlia va per aprire. Sono Cristiana Ferrigno e sua madre, con il mio portafoglio smarrito, con tutto il suo contenuto. Un angelo dal cielo!! Un gesto di grande senso civico, di rispetto e di attenzione dell’altro. Un gesto di civiltà che merita di essere valorizzato ed esaltato. E merita il mio profondo e riconoscente ringraziamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trova un portafogli pieno e lo riconsegna, il messaggio commosso del proprietario: "Gli angeli esistono"

MessinaToday è in caricamento