Cronaca Santa Lucia del Mela

Santa Lucia del Mela, il consigliere Pandolfo è tornato a casa: "Tutto si può superare con la fede"

Ferito gravemente per l'esplosione di una bombola di gas in casa del suocero l'esponente politico dimesso dal Centro Grandi Ustioni di Palermo è tornato ad abbracciare amici e parenti. E ha scritto un messaggio

Sabato 16 novembre l'esplosione della bombola a gas che poteva costargli la vita. Il consigliere comunale di Santa Lucia del Mela, Santino Pandolfo, è tornato a casa. E ha scritto un messaggio agli amici che in questi giorni di ricovero al Centro Grandi Ustioni di Palermo hanno chiesto di lui: "Finalmente dopo un mese e un giorno di sofferenze, ieri ho lasciato il Centro Ustioni dell'ospedale di Palermo e sono tornato a casa nel mio amato Paese. Un po' stanco e provato, ma contento di aver superato in parte, questo momento grazie all'effetto della mia famiglia, parenti e amici. L'aspetto positivo di questa disavventura è che nella vita tutto si può superare se si ha forza e fede. Grazie a tutti,si ricomincia".

Pandolfo aveva subìto ustioni a volto e mani, si trovava nell'abitazione del suocero nel Centro storico di Santa Lucia del Mela quando un incendio provocato da una bombola lo aveva ferito. Molto conosciuto anche nel capoluogo e impegnato in attività sociali, il consigliere comunale aveva subito ustioni in tutto il corpo ed era stato trasportato inizialmente all'ospedale Fogliani di Milazzo prima del trasferimento in elisoccorso a Palermo. Provvidenziale l'intervento dei vigili del fuoco insieme all'ambulanza del 118 e ai carabinieri che avevano messo in sicurezza la zona. Nella sua azione politica da registrare che Pandolfo, da giugno a dicembre 2018, aveva rinunciato ai gettoni di presenza destinando la somma in bilancio comunale alla voce Beni culturali. 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Lucia del Mela, il consigliere Pandolfo è tornato a casa: "Tutto si può superare con la fede"

MessinaToday è in caricamento