Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Mancato adeguamento del contratto di lavoro, confermato lo sciopero sulle autostrade siciliane

Il personale amministrativo e gli addetti alla esazione dei pedaggi in servizio nelle tratte A-18 e A-20 incroceranno le braccia il 23, 24 e 25 febbraio

Confermato lo sciopero sulle autostrade siciliane. Al centro della vertenza i mancati adeguamenti previsti dal contratto nazionale del lavoro.

La Cub Trasporti a seguito dell’assemblea dei lavoratori dello scorso 29 gennaio, ha disposto e deliberato una ulteriore azione di sciopero di 24 ore per le prossime tre giornate del 23, 24 e 25 febbraio, in prosieguo alle precedenti prime sei giornate di sciopero dal 12 al 17 dicembre 2019 e continuate lo scorso 29 gennaio 2020 con proclamazione da parte di altre sigle sindacali.

Il sindacato ricorda che la vertenza si trascina da oltre un decennio a tutela dei diritti violati dei lavoratori del Consorzio Autostrade Siciliane, “privati appunto dall’applicazione di quanto previsto dai rinnovi del CCNL - si legge nella nota -  non messi in pagamento dal Cas sin dallo scorso 2009. Nonostante i mancati incassi dai varchi in libero transito causa degli scioperi, il Cas rimane ancora sordo, pronto solo a continuare a calpestare i diritti dei lavoratori della Concessionaria”.

Incroceranno le braccia tutto il personale amministrativo nonché di quello addetto alla esazione dei pedaggi in servizio nelle tratte A-18 (Messina - Catania e la Siracusa - Gela) e A-20 (Messina - Palermo). Escusi il personale addetto alla sicurezza, al recupero dei veicoli incidentati, la sala radio nonchè gli addetti alla manutenzione impianti .

Quattro i punti fondamentali della vertenza: la immediata cessazione dello scippo degli aumenti previsti dai rinnovi del CCNL non corrisposti dal 2009 ad oggi; la naturale applicazione complessiva del CCNL per i dipendenti del consorzio delle autostrade siciliane da sempre vigente; la rapida e immediata restituzione dei mancati riconoscimenti economici non ancora corrisposti. l’inserimento di una clausola di salvaguardia occupazionale nel contratto dei dipendenti delle Autostrade Siciliane Cas, a garanzia delle sorti del personale che ne preveda il transito diretto e immediato, nel caso di subentro di altra concessionaria diversa dal Consorzio autostrade. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancato adeguamento del contratto di lavoro, confermato lo sciopero sulle autostrade siciliane

MessinaToday è in caricamento