rotate-mobile
Cronaca

Acr Messina, Sciotto incontra Basile e temporeggia sull'iscrizione: "Nessuna fumata bianca, valuterò nelle prossime ore"

Due ore di colloquio tra il patron della società giallorossa e il nuovo sindaco. Top secret gli argomenti trattati, ma il futuro del club si saprà a breve. Resta il nodo su impianti e sponsor

Due ore di incontro, ma nessuna fumata bianca. Il futuro dell'Acr Messina, a dieci giorni dall'inizio della nuova stagione 2022-2023, è ancora tutto da scrivere. Questa mattina il patron Pietro Sciotto si è recato a Palazzo Zanca per dialogare con il sindaco Federico Basile. Tema del colloquio proprio la società giallorossa, da settimane in vendita e senza al momento acquirenti interessati. 

Il confronto con l'amministrazione comunale, rappresentata anche dal vicesindaco e assessore allo Sport Francesco Gallo, è stato utile. Ma nonostante ciò Sciotto non scoglie ancora le riserve sulla volontà di iscrivere la squadra al prossimo campionato di Serie C. "Ho parlato con il sindaco - ha detto Sciotto - ho presentato le mie richieste, ci aggiorneremo. Domani mattina sceglierò cosa fare".

Ma è chiaro come dietro le perplessità di Sciotto non ci sia una questione economica, a pesare sono le mancate risposte e la cronica assenza di strutture. "Nel 2017 - ha proseguito Sciotto - abbiamo fatto una squadra in pochi giorni, siamo andati male senza riuscire a vincere il campionato visto come siamo partiti. Poi abbiamo incontrato squadre come Bari e Palermo, il quarto anno ho vinto, quest'anno abbiamo conquistato la salvezza con sacrifici immensi. Io non ho difficoltà economiche, ma se non ci sono incassi, sponsor e strutture non possiamo andare da nessuna parte. Chiedo l'aiuto e il coinvolgimento di tutti, non voglio collette o cose simili, solo partecipazione. In tutto il campionato abbiamo avuto 17mila spettatori, una città come Andria ha fatto più di noi".

Difficoltà che Basile dice di conoscere bene. "Incontro lungo e proficuo - ha aggiunto il sindaco- il calcio a Messina è molto sentito, Sciotto mi ha posto davanti a problematiche che già conoscevamo. Io sono convinto che la fumata bianca arriverà ed è giusto ragionare su cose importanti che riguardano tutta la città e non solo la squadra. Dall'amministrazione c'è grande disponibilità, la tiepida risposta dell'imprenditoria locale porta sicuramente a fare ragionamenti diversi, la proposta di vendere ad 1 euro era sicuramente provocatoria, io devo fare da raccordo, ma occorre fare uno scatto d'orgoglio. Gli impianti sportivi sono importantissimi, abbiamo perso occasione importante con i fondi del Pnrr, ma bisogna ripartire con una programmazione diversa".

A margine l'intervento dell'avvocato Dario Carbone che ha presentato a Pietro Sciotto la lista dei tifosi scesi in campo nell'iniziativa di crowdfunding. Tramontato, invece, l'interessamento del gruppo Darone-Lombardo. La cordata ha fatto un passo indietro ritenendo le tempistiche non sufficienti ad intavolare una seria proposta per l'acquisto del club.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acr Messina, Sciotto incontra Basile e temporeggia sull'iscrizione: "Nessuna fumata bianca, valuterò nelle prossime ore"

MessinaToday è in caricamento