rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Cronaca

La guerra degli alberi a Milazzo: "Nessun attacco personale al sindaco, tiri fuori il bilancio arboreo"

Botta e risposta tra Midili e gli ambientalisti che replicano al duro attacco del primo cittadino: "Dichiarazioni fuori luogo, ascolti chi ha idee diverse da lui"

Botta e risposta tra sindaco di Milazzo Giuseppe Midili e ambientalisti su quella che ormai viene definita la guerra degli alberi. Italia Nostra e Legambiente del Tirreno impegnati a salvaguardare il patrimonio arboreo del comune tirrenico (sarebbero 135 le piante interessate all'abbattimento, altre sono state già abbattute) chiedono ora conto e ragione del bilancio arboreo del Comune, vale a dire quello strumento previsto dalla legge sullo sviluppo degli spazi verdi urbani, che impone di rendere noto prima della scadenza naturale del mandato, indica il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza.

La guerra per gli alberi a Milazzo, il sindaco: "Sono un pericolo per la sicurezza stradale"

Una richiesta ma anche una provocazione dopo che il sindaco aveva sferrato un duro attacco accusando gli ambientalisti di fare "polemiche strumentali dal sapore unicamente politico”, preferendo affidare ai social le critiche piuttosto che documentarsi richiedendo "un accesso agli atti".

Oggi Guglielmo Maneri per Italia Nostra Milazzo e Pippo Ruggeri per Legambiente del Tirreno rigirano l'accusa al mittente.

"La cosiddetta ”dura replica del sindaco agli ambientalisti” in merito al taglio degli alberi - scrivono in una nota - ci lascia perplessi e indignati: ci sembra una caduta di stile nei modi e nei pesanti giudizi espressi, a partire dall’ inopportuno uso del sito istituzionale ”Milazzo in Comune” (che riporta lo stemma della Città) per una polemica dai toni francamenti eccessivi e dai giudizi ingenerosi. In merito alla questione delle cosiddette capitozzature (taglio radicale) degli alberi nella Scuola Elementare del Capo, di Piazza Marconi e di via del Tigli non condividendo assolutamente le opinioni tecniche riportate nella ”replica”, opinioni a cui se ne possono contrapporre altre anche più autorevoli, è nostra intenzione dar vita a una iniziativa per la tutela e l’incremento del verde pubblico cittadino, iniziativa certamente ”politica” in quanto attiene alla politica del verde pubblico. Proprio la ”politica” - continuano - sancisce un preciso obbligo di legge al Sindaco che deve rendere noto il Bilancio Arboreo del Comune, indicando il rapporto fra il numero degli alberi piantati in aree urbane di proprietà pubblica, rispettivamente al principio e al termine del mandato stesso, dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza".

"In merito ai sospetti avanzati nei nostri confronti, stia sereno il signor sindaco - continua la nota - che non abbiamo alcuna mira personale e quindi il sospetto di ”polemiche strumentali dal sapore unicamente politico” appare assolutamente fuori luogo, confondendo il significato di politico, ovvero il diritto costituzionalmente garantito per ogni cittadino di partecipare alla vita pubblica, con l’appartenenza ad un partito. Alle accuse poi di ”attacchi social che dimostrano come ormai certo impegno civico è solo di facciata” replichiamo dicendo che per noi conta la storia delle nostre Associazioni e il ruolo positivo esercitato con spirito libero da decenni per la tutela del Patrimonio Ambientale, le azioni concrete effettuate spesso in collaborazione con le Istituzioni, anche quella attuale, senza in alcun modo tenere conto del loro colore politico. Un infortunio quindi del nostro primo cittadino che invitiamo, per il ruolo che ricopre, a un maggiore ascolto delle diverse idee e istanze di quanti, lo ribadiamo a testa alta, non hanno nessun altro fine che il bene dei Cittadini e della Città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La guerra degli alberi a Milazzo: "Nessun attacco personale al sindaco, tiri fuori il bilancio arboreo"

MessinaToday è in caricamento