Scontro tra aliscafi, l'appello dei sindacati: "Marittimi sottoposti a rischi e stress

L'intervento di Cgil e Uil dopo l'incidente di ieri sera tra due mezzi Blujet. Le due sigle chiedono maggiori tutele per chi opera a bordo. "Le tante ore di navigazione possono annebbiare la vista"

Cgil e UilTrasporti si schierano a favore dei marittimi coinvolti nell'incidente avvenuto ieri sera nel porto di Messina. Intorno alle 19.30 due aliscafi Blujet si sono scontrati durante le operazioni di manovra. Per fortuna non c'è stato alcun ferito, ma solo tanta paura. In attesa che gli organi competenti chiariscano la dinamica, le due sigle sindacali sottolineano le difficili condizioni di lavoro che riguardano chi naviga quotidianamente sullo Stretto. Di seguito il comunicato integrale firmato dalla segreteria regionali e provinciali.

Quando si verifica un incidente che coinvolge mezzi meccanici viene spontaneo chiedersi quali sono state le cause che lo hanno causato. In mare nonostante normative sempre più mirate a ridurre i rischi, esistono condizioni che non sempre fanno parte delle valutazioni del rischio per cui vengono frettolosamente ascritte a fatti  e colpe di chi conduce la navigazione.

Ciò premesso, l’incidente che ieri sera a Messina ha visto coinvolti due mezzi veloci della società Blujet deve essere valutato in maniera sicuramente diversa da analoghi sinistri.I nfatti i mezzi della società Blujet che operano nello Stretto, un’area a denso traffico che si muove sia per meridiano che per parallelo, sono esposti a rischi maggiori di altri tipi di traffico, con ricaduta su un unico soggetto: il comandante. Questo deve essere attentamente considerato a priori per una obiettiva valutazione di quanto accaduto. Un comandante impegnato nello stretto di Messina per archi di impiego che vanno molto al di sopra delle otto ore giornaliere contrattuali, e’ sottoposto ad uno stress prolungato che, specie a fine turno, e’ quasi insopportabile e può arrivare ad annebbiare la vista e condizionare le valutazioni durante le molteplici manovra giornaliere.

Molteplici manovre che proprio di recente sono state aumentate con più viaggi giornalieri dopo che la politica ha definitivamente attribuito alla società  Blujet i servizi che in precedenza, per molti anni, erano stati coperti dai mezzi della Liberty Lines, la società  leader mondiale nei trasporti veloci. Ora l’autorità marittima verrà chiamata a svolgere le indagini obbligatorie per legge poiché per ogni incidente devono essere individuate le cause e trovate le misure affinché non si ripeta.

Come organizzazioni sindacali non vogliamo condizionare l’operato dell’autorità marittima purché si tenga conto che l’orario di lavoro dell’equipaggio  oltre il normale, non può  essere dimenticato nelle valutazioni dei rischi e quindi nelle cause all’origine dell’incidente. Da tempo queste organizzazioni sindacali chiedono più tutele per i lavoratori  interessati dai servizi svolti da Blujet, poiché per noi la sicurezza dei lavoratori comprende anche  quella dei passeggeri e dell’ambiente. finora non siamo stati ascoltati. Siamo felici che non ci siano stati danni fisici ad equipaggi e passeggeri, la buona sorte e’ stata favorevole, questa volta, ma non possiamo contare sempre su di essa.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento