rotate-mobile
Cronaca

"Scriviamola insieme", resta aperta la raccolta firme per rafforzare la democrazia partecipata in Sicilia

Un sesto del totale dei firmatari non vivono sull’isola. Storie e curiosità, dalla “classifica” dei territori più attivi ai volti del protagonismo civico

In attesa dell’audizione alla Commissione Affari Istituzionali dell’Assemblea Regionale Siciliana, resta ancora aperta “Scriviamola Insieme“, la raccolta firme per rafforzare la legge siciliana sulla democrazia partecipata. La petizione è promossa dalla no profit Parliament Watch Italia nell’ambito di “Spendiamoli Insieme”, progetto che dal 2021, grazie al sostegno di Fondazione con il SUD, raccoglie e diffonde dati e storie e opera in decine di territori-pilota a sostegno della buona applicazione della norma.

La petizione ha superato quota 3000 firme, che i promotori considerano un vero e proprio successo. «Sono firme raccolte su un tema apparentemente di nicchia, comunque non semplice da spiegare, lontanissimo dall’emotività e tutto centrato sul civismo. E si tratta di firme molto consapevoli, scaturite dall’impegno che tanti cittadini e tante realtà associative hanno profuso, mettendoci del proprio per illustrare la questione, sottolinearne l’importanza, spiegare il valore della partecipazione».

La classifica dei territori

Ma “Scriviamola Insieme” non è solo numeri, è anche storie e curiosità. Per esempio: come si sono mosse le 9 ex province siciliane rispetto alla raccolta di firme? Nessuna è stata a guardare, ed è il primo elemento. Tra i firmatari sono compresi cittadini di quasi tutti i Comuni. Talvolta le firme si contano sulle dita di una mano, talaltra viaggiano sulle centinaia. Ma praticamente tutti rispondono “presente”.

Guardando più nel dettaglio, l’Area Metropolitana di Catania si è rivelata la più attiva, con 843 firme, pari al 27,9% del totale. Seguono il Palermitano con 457 firme (15,1%) e il Messinese con 410 (13,6%). E poi rispettivamente dal 4° al 9° posto ci sono le aree di Siracusa con 181 firme (6%), Caltanissetta con 143, (4,7%), Ragusa con 129 (4,2%), Agrigento con 123 (4%), Trapani con 90 (2,9%) ed Enna con 75 (2,4%).

E anche se si guarda ai Comuni le sorprese non mancano. Vero è che la città di Catania è decisamente la prima, con 427 firme vale da sola il 14% del totale, come lasciava presagire la “classifica” tra le province. Vero è che seguono, anche qui, Palermo e Messina. Ma mentre la capitale della Sicilia con 394 firme contribuisce con il 13% delle firme al totale, la città dello Stretto con 232 firme “pesa” appena il 7,6%. Non solo. Se il caso Palermo trova una possibile spiegazione nella cronaca, visto che la città non ha mai attivato i propri processi di democrazia partecipata fino al 2023, ed è quindi poco “abituata” all’argomento, «resta sconfortante – dice il team di progetto - il dato di Messina dove, non casualmente, anno dopo anno, a decidere i progetti da finanziare con i fondi di democrazia partecipata è sempre un numero irrisorio di cittadini, a riprova della poca attenzione e della carente informazione sul tema».

E le altre capitali? Alla 5^ posizione c’è Siracusa (110, 3,6%), ma le altre viaggiano tutte sulle poche decine: Caltanissetta (61 firme), Ragusa (44), Agrigento (39), Trapani (35), Enna (21).

A guadagnare una 4^ posizione di tutto rispetto, infatti, non è una delle capitali, è la cittadina di Mascali nel Catanese (117, 3,8%) che rappresenta un vero e proprio caso. A Mascali la democrazia partecipata è ferma da anni, l’argomento sembrerebbe interessare poco o niente. Ma – questo il punto – nella cittadina persone del territorio si sono spese con grande impegno, in particolare ma non solo volontari della Rete Civica della Salute, una delle realtà che maggiormente ha colto l’importanza di “Scriviamola Insieme”. L’exploit di Mascali, insomma, spiega bene quanto conti la presenza di qualcuno che, per puro senso civico, si assume la responsabilità di promuovere interesse e sensibilizzare comunità.

E, per concludere, al 6° e al 7° posto non ci sono nemmeno città siciliane, perché ci sono invece Milano e Roma.

I firmatari che non vivono in Sicilia

Magari sono nati in Sicilia anche se non ci vivono più. Oppure sull’Isola ci sono nati i loro genitori, i nonni, gli zii. Oppure ancora con la regione hanno un legame personalissimo e imperscrutabile che sfugge alle statistiche. Fatto è che sono tanti i firmatari di “Scriviamola Insieme” che non risiedono in Sicilia. Più di 500 (al momento della stesura di questo articolo esattamente 510 su poco più di 3000), pari ad un sesto del totale.

Tra loro ci sono i 105 di Milano, i 92 di Roma, i 26 di Torino, i 19 di Napoli. Ma anche il londinese di Wandsworth, i 3 newyorkesi, cittadini di Mansfield (Ohio) e di Boston (Massachusetts), di Johannesburg (Sud Africa), di Nuremberg, Munich, Leipzig (Germania), di Medellin e Madrid (Spagna), di Ivry-sur-seine e Parigi (Francia).

Potenza, certo, della comunicazione senza frontiere del digitale, ma anche – non si può negare – dell’amore per la Sicilia e della voglia di essere coinvolti nella costruzione del suo futuro.

I volti del protagonismo civico

Voglia di protagonismo civico e profonda consapevolezza dell’importanza sociale e culturale della democrazia partecipata hanno d’altronde motivato ad impegni straordinari alcune realtà associative, che i promotori di “Scriviamola Insieme” vogliono ancora una volta ringraziare di cuore. Si va dalla Rete Civica della Salute (RCS), network di volontari presente in tutta la Sicilia dedicato alla promozione e allo sviluppo dei beni comuni salute, ambiente, cultura, e dal suo ideatore e coordinatore prof. Pieremilio Vasta alla Rete dei Comitati Popolari 2030, associazione di cittadinanza attiva, tutela del territorio e del patrimonio storico culturale di Mascalucia; dal CESV Messina ETS, una delle realtà che fin dall’inizio supportano l’iniziativa e che di volta pubblica e diffonde gli approfondimenti relativi all’area del Messinese, ad ActionAid Italia, The Good Lobby, Fondazione Messina, L’Isola che c’è, BiPart, Ondata APS, Comunità Open Data Sicilia, Acquanuvena, Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto, Patto per la Partecipazione Popolare Area Vasta, Comunità PIÙ, Associazione Ionio – Circolo Arci APS, Orizzonte Comune Villafranca Tirrena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scriviamola insieme", resta aperta la raccolta firme per rafforzare la democrazia partecipata in Sicilia

MessinaToday è in caricamento