rotate-mobile
Cronaca

Lavori alla scuola Cannizzaro-Galatti, Gioveni: "Si valuti ogni soluzione prima di dislocare le classi"

Il consigliere comunale chiede di trattare l'argomento in commissione consiliare. L'istituto dovrà chiudere per importanti opere di messa in sicurezza. "Non si può rimanere indifferenti all’inesorabile declino di una scuola centrale e centenaria"

“Non si può rimanere indifferenti all’inesorabile declino di una scuola centrale e centenaria come la Cannizzaro Galatti che sembra aver ormai iniziato il conto alla rovescia verso una inaccettabile chiusura”

Con queste parole il consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia, pur consapevole della necessità di mettere in totale sicurezza un plesso che di suo aveva già subìto la parziale inibizione di un piano, ritiene che la decisione di smembrare ed esiliare totalmente una comunità scolastica in pieno centro composta da 1000 alunni, 150 docenti e 30 unità di personale Ata, meriti quanto meno un ulteriore approfondimento con tutte le parti in causa. L’accorata lettera che è giunta informalmente anche alla mia attenzione da parte degli sgomenti genitori – evidenzia Gioveni – mi spingono a richiedere all’amministrazione e alle istituzioni tutte, compresa la commissione consiliare alle politiche scolastiche, un tavolo di confronto che possa in qualche modo valutare tutte le possibilità, anche quella, perché no, di confermare la decisione già presa.
"Ritengo, infatti – prosegue il consigliere – che anche il modo come tutto è avvenuto, senza alcuna possibilità di coinvolgere tutte le istituzioni o anche quella si sentire altre possibili valutazioni tecniche, abbia sconvolto e disorientato tutta la popolazione scolastica di un Istituto comprensivo che già sta subendo non poche penalizzazioni. Basti pensare – insiste l’esponente di FdI – all’ancora ridottissimo numero di iscrizioni che si sono registrate in segreteria o alle intenzioni già manifestate da diversi genitori di interrompere il percorso formativo già avviato alla Cannizzaro Galatti, trasferendo i propri figli altrove per non relegarli al distante San Luigi. Pertanto – conclude Gioveni – capitolo sicurezza sì, senza ombra di dubbio, ma che si definiscano in maniera concertativa, ivi compreso il parere dello stesso Dirigente scolastico, le eventuali determinazioni più o meno drastiche, perché oltre ad essere senz’altro importante l’incolumità di tutta la comunità scolastica, lo è altrettanto anche la sua identità e storia centenaria che non può essere di certo cancellata così con un semplice colpo di spugna.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori alla scuola Cannizzaro-Galatti, Gioveni: "Si valuti ogni soluzione prima di dislocare le classi"

MessinaToday è in caricamento