Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Scuole, vertice in Prefettura in vista della riapertura: non mancano dubbi e proteste

Il 7 gennaio torneranno in aula gli alunni delle Superiori. Ma prosegue il dibattito tra chi si oppone al rientro e chi vuole le lezioni in presenza. A Palazzo del Governo le ultime linee guida per garantire la sicurezza

Il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina non ha dubbi: le scuole superiori ripartono in presenza il 7 gennaio. Una decisione che il governo ha già preso nonostante la netta opposizione di Regioni e associazioni di categoria. Anche in Sicilia è forte il pressing affinché le aule restino vuote fino a quando non si avrà un calo dei contagi. Sono già 140mila le firme raccolte da una petizione lanciata dall'Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori che chiede al governatore Musumeci di opporsi al ritorno in classe degli alunni. "Mentre all’estero tengono le scuole chiuse, in Italia, con il primato di decessi per Covid e l’aumento di ricoveri e terapie intensive, s’intende riaprirle, tra l’altro accrescendo i disagi con le turnazioni".

Anche gli esperti si dichiarano scettici. Giovanni Sebastiani del Consiglio Nazionale della Ricerca sconsiglia l'apertura: "Un'imprudenza ora che il contagio ha ripreso la sua crescita e che da novembre non scende più. Potrebbe dipendere dalla variante inglese e la situazione non è sotto controllo". Secondo il matematico la riapertura delle scuole ha avuto un impatto positivo sul contagio a ottobre e novembre, quando è arrivata la seconda ondata. 

Ma c'è chi la pensa in modo opposto e auspica un imminente ritorno degli studenti tra i banchi. Tra questi il comitato Scuola in presenza. "Il rientro andava previsto prima - spiega il professore Cesare Natoli - basta considerare la riapertura della scuola come un problema. Serve una nuova prospettiva che tenga conto dei danni a cui gli studenti vanno incontro senza la possibilità di tornare in aula. Auspichiamo che il governo mantenga la limitazione delle presenze al 50% anche oltre il 15 gennaio, passare al 75% significherebbe istituire i doppi turni e penalizzare l'intera organizzazione. Bisogna agire cercando un compromesso tra il contenimento del rischio contagi e la necessità di fare scuola".

Intanto presidi e insegnanti stanno comunque preparando gli orari per ricominciare con il 50% degli studenti in presenza, su due turni tra le 8 e le 9.40 e anche il sabato. Nelle prossime ore la Prefettura darà precise istruzioni in un tavolo tecnico a cui parteciperanno tutti gli attori coinvolti nella macchina organizzativa che dovrà garantire la sicurezza di alunni, docenti e personale scolastico. Tra questi l'Atm che attende di varare un nuovo piano per il trasporto pubblico che tenga conto delle limitazioni previste. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuole, vertice in Prefettura in vista della riapertura: non mancano dubbi e proteste

MessinaToday è in caricamento