Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Segesta Jet diciassette anni dopo, Messina ricorda le vittime

Deposta anche una corona di alloro e si è rinnovato il momento di raccoglimento culminato con il suono delle sirene delle navi in porto

Era il 15 gennaio 2007 quando nelle acque dello Stretto la portacontainer Susan Borchard ha colliso con il Segesta jet di Bluvia, causando la morte dei 4 membri dell'equipaggio del motocarena.

L'aliscafo stava rientrando nel porto storico da Reggio Calabria con oltre 150 passeggeri a bordo. Lo schianto provocò uno squarcio sulla fiancata destra. Persero la vita Sebastiano Mafodda, Marcello Sposato, Domenico Zona e Palmiro Lauro. Decine i feriti.

Messina ha ricordato ancora le quattro vittime del terribile incidente con una cerimonia organizzata dalla Direzione Navigazione RFI, con l’aiuto del comandante in quiescenza Sebastiano Pino.

Alle 15,30, in mare, nel punto esatto dell’incidente, alla presenza di unità navali della Guardia Costiera e della Polizia Municipale, oltre a quella riservata ai parenti delle vittime, è stata lasciata in mare una corona d’alloro. A seguire, una Santa messa è stata officiata da frate Girolamo Palminteri nell’atrio prospiciente la Corte di Ulisse della Stazione centrale.

All’ora esatta dell’incidente, accanto al monumento dedicato ai quattro marinai nell’area della Stazione marittima, limitrofa al piazzale a loro intitolato, è stata deposta una corona di alloro e si è rinnovato il momento di raccoglimento culminato con il suono delle sirene delle navi in porto. Tanti cittadini, amici e colleghi si sono stretti al fianco dei familiari. Presenti alle cerimonie autorità civili e militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segesta Jet diciassette anni dopo, Messina ricorda le vittime
MessinaToday è in caricamento