"Supermarket" della droga a Giostra: pesanti condanne dopo l'operazione "Festa in maschera"

Dai sei ai quindici anni di carcere per otto messinesi. Gestivano un lucroso traffico di stupefacenti tra Sicilia e Calabria. Il quartiere della zona nord era il centro strategico

Si conclude con condanne dai sei ai quindici anni di carcere l'udienza preliminare del processo scaturito dall'operazione "Festa in maschera". Lo scorso febbraio Direzione distrettuale antimafia e guardia di finanza avevano sgominato un gruppo criminale che gestiva un vero e proprio supermarket della droga nel quartiere di Giostra. Un commercio altamente redditizio di sostanze stupefacendi tra Sicilia e Calabria che ancora una volta vedeva Messina come base strategica.

Il verdetto, emesso dal gup Fabio Pagana, ha previsto condanne ridotte di un terzo per il rito abbreviato scelto dagli imputati. In particolare, Mauro Gaetano è stato condannato a 15 anni e 8 mesi di reclusione, Giacomo Lo Presti a 10  anni di reclusione, Domenico Sottile a sei anni di reclusione e 20mila euro di multa, Alessio Papale a 10 anni e 2 mesi, Giacomo Russo a 8 anni, Carlo Ardizzone a 6 anni e 8 mesi, Domenico Batessa a 7 anni e 2 mesi, Domenico Papale dovrà invece scontare 9 anni e 10 mesi di carcere. Assolto per non aver commesso il fatto Luca Di Silvestro.

L'accusa, rappresentata dai pubblici ministeri Roberto Conte e Antonella Fradà, aveva chiesto pene dai 22 anni fino a 3 anni. Gli imputati sono stati difesi dagli avvocati Salvatore Silvestro, Carolina Stroscio, Daniela Garufi, Katia Veneziani, Giuseppe Donato, Alessandro Trovato e Giuseppe Bonavita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo le indagini, il capo e promotore dell'organizzaizone era Gaetano Mauro, figlio del più noto Carmelo Mauro "tirinnanna" killer del clan Galli di Giostra, assassinato il 22 maggio 2001. L'inchiesta aveva inoltre evidenziato che nove soggetti degli undici destinatari di provvedimento cautelare facevano parte di nuclei familiari percettori di reddito di cittadinanza e un soggetto addirittura quale diretto interessato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta i rifiuti fuori orario e prende a pugni un vigile urbano: denunciato comandante degli aliscafi

  • L'ospedale Papardo cerca infermieri e operatori sociosanitari, selezioni in corso

  • Positivo al coronavirus ma va in palestra, indagini in corso della polizia municipale

  • Covid, scatta il coprifuoco anche a Messina: l'ordinanza del sindaco in dettaglio

  • Grave incidente in autostrada vicino lo svincolo di Messina centro, due feriti al Policlinico

  • Operazione antidroga nelle acque dello Stretto, fermati due uomini pronti a trasportare 7 chili di marijuana in Sicilia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento