rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Restituito il patrimonio a Matacena e Chiara Rizzo, i giudici revocano il sequestro preventivo e la confisca di tutti i beni

Era stato disposto nel dicembre 2017 nei confronti dell’ex parlamentare di Forza Italia e della sua ex moglie nell’ambito dell’inchiesta Breakfast, I legali: "Si apre ora un nuovo capitolo, la nostra assistita ci ha già dato incarico di di relazionarla sulla gestione operata in questi anni"

Dovrà essere restituito il patrimonio della messinese Chiara Rizzo e dell'ormai ex marito Amedeo Matacena ancora latitante a Dubai. Lo ha deciso la Corte d’Assise d’Appello di Reggio Calabria, presieduta dal giudice Roberto Lucisano, che ha revocato il sequestro preventivo e la confisca di tutti i beni. I giudici hanno accolto l’appello degli avvocati Candido Bonaventura, Corrado Politi ed Enzo Caccavari in merito al sequestro disposto nel dicembre 2017 nei confronti dell’ex parlamentare di Forza Italia e della sua ex moglie nell’ambito dell’inchiesta "Breakfast" che portò in carcere anche l’ex ministro dell’Interno Claudio Scaiola.

I sigilli, all’epoca, avevano interessato 25 immobili, navi, conti correnti e società di cui 4 con sede nel territorio nazionale (Villa San Giovanni, Reggio Calabria e Roma) e 8 all’estero (Isole Nevis, Portogallo, Panama, Liberia e Florida). Complessivamente a Matacena, condannato per concorso esterno in associazione mafiosa e attualmente latitante a Dubai, erano stati sequestrati beni per un totale di oltre 10 milioni di euro.

Operazione Breakfast, condannata ad un anno la messinese Chiara Rizzo

"Gli accertamenti eseguiti dai periti d’ufficio - è scritto nella sentenza - non contrastati da deduzioni ed osservazioni provenienti dall’Ufficio proponente la misura, inducono a concludere che non è concretamente ravvisabile il requisito della sproporzione tra le entrate documentate del soggetto investito della procedura e beni nella disponibilità dello stesso". Dopo oltre 4 anni di processo, secondo i giudici, è stato definitivamente accertato che l’ingente patrimonio della famiglia Matacena non era per nulla sproporzionato rispetto alle entrate ed ai redditi familiari". Nel corso dell’istruttoria, la Corte di Assise aveva già restituito a Chiara Rizzo il saldo di un conto corrente, di oltre 800mila euro, che l’ex consorte di Matacena aveva acceso alle Seychelles.

 "Si apre ora un nuovo capitolo", commentano  gli avvocati Bonaventura Candido e Corrado Politi  - Chiara Rizzo ci ha già dato incarico di attendere alle formalità di restituzione e di relazionarla, per ogni successiva valutazione, sulla consistenza di quanto ancora disponibile e sulla gestione operata in questi anni. Manifestiamo piena soddisfazione per un provvedimento che restituisce dignità, prima ancora che patrimonio, a Chiara Rizzo". "Abbiamo sempre creduto, nonostante le difficoltà - aggiungono Candido e Politi - di poter conseguire questo risultato e ci rammarichiamo solo della circostanza che quanto rilevato dalle difese, e confermato dai periti nominati dalla Corte, era agevolmente desumibile dalla documentazione sequestrata. Oggi è stata scritta una pagina di vera giustizia di cui andiamo fieri".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restituito il patrimonio a Matacena e Chiara Rizzo, i giudici revocano il sequestro preventivo e la confisca di tutti i beni

MessinaToday è in caricamento