Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Le accuse sulla fallimentare per corruzione, assolto il giudice Minutoli

Prosciolti anche i due coimputati, l’imprenditore Gianfranco Colosi e l’ex dirigente Dia di Messina Letterio Romeo. Secondo l'ipotesi accusatoria avevano architettato la nascita di un nuovo istituto di vendite giudiziarie, nel quale avrebbero poi dovuto trovare occupazione la moglie del giudice e la compagna del colonnello

Assolti perché il fatto non sussiste il giudice Giuseppe Minutoli (nella foto). Lo ha deciso il Giudice per l’udienza preliminare Federica Brugnara del Tribunale di Reggio Calabria che mette così la parola fine sulla vicenda che ha visto sotto accusa il giudice della sezione fallimentare con l’accusa di corruzione in atti giudiziaria.

Il pm aveva chiesto per il giudice, che ha scelto il rito abbreviato, una condanna a cinque anni.

Prosciolti anche i due coimputati, l’imprenditore Gianfranco Colosi e l’ex dirigente della Dia, la direzione investigativa antimafia, Letterio Romeo che si sono difesi con il rito tradizionale.

Giuseppe Minutoli-2Secondo l’ipotesi accusatoria, l’imprenditore titolare di Casaramona Giuseppe Colosi, sul quale erano in corso accertamenti per verificare la titolarità di quanti esercizi commerciali a lui fanno capo, era stato favorito nell’aggiudicazione degli stessi.

Secondo l'ipotesi accusatoria, Minutoli avrebbe dato la sua adesione alla nascita di un nuovo istituto di vendite giudiziarie, revocando l’affidamento all'Istituto vendite giudiziarie per far subentrare Colosi nelle vendite relative alle procedure fallimentari.

Nel nuovo Istituto avrebbero poi dovuto trovare occupazione tanto sua moglie che la compagna del colonnello della Dia Letterio Romeo.

Impegnati nella difesa gli avvocati Carlo Autru Ryolo, Alberto Gullino e Donatella Cuomo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le accuse sulla fallimentare per corruzione, assolto il giudice Minutoli

MessinaToday è in caricamento