rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Cronaca

Fermato in autostrada con oltre 100 chili di frattaglie maleodoranti, denunciato autotrasportare

Gli agenti della polizia stradale hanno controllato un furgone che stava attraversando il casello sulla Palermo-Messina. Le interiora - dopo l'intervento dei veterinari dell'Asp - sono state distrutte perché giudicate non idonei al consumo

Quando è stato aperto il portellone del vano posteriore di un furgone, è uscito un olezzo di carne putrida. Anche per via della temperatura di trasporto, visto che l'impianto di refrigerazione è risultato spento. Nei giorni scorsi la polizia ha sequestrato ai caselli di Buonfornello, lungo la Palermo-Messina, oltre 120 chili di frattaglie giudicate non idonee al consumo e destinate con molta probabilità anche al mercato messinese. Denunciato anche un autotrasportatore di 50 anni che non sarebbe stato in grado di esibire alcuna documentazione che attestasse la provenienza dei prodotti.

Gli agenti della polizia stradale della sottosezione di Buonfornello, come riportato da PalermoToday,  hanno deciso di sottoporre a controllo, subito dopo i caselli, un furgone che viaggiava nella carreggiata in direzione Messina. Aperto il vano posteriore, i poliziotti hanno trovato un quintale di frattaglie trasportate a una temperatura superiore a quella indicata per prodotti freschi (pari a 3 gradi). Di fronte alle domande il corriere, che guidava un mezzo autorizzato e riconducibile a una ditta di Belmonte Mezzagno, non è stato in grado di fornire alcuna documentazione sulla tracciabilità della merce.

Sul posto sono intervenuti i veterinari dell'Asp di Palermo che hanno ispezionato le frattaglie - tra polmoni, milze, mascelle e altri prodotti - disponendo poi che venissero distrutte da una ditta specializzata per evitare che finissero sulle tavole dei consumatori o nelle bancarelle degli ambulanti di mezza città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermato in autostrada con oltre 100 chili di frattaglie maleodoranti, denunciato autotrasportare

MessinaToday è in caricamento