rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca

Maxi sequestro al re delle cooperative di assistenza sociale: “E’ vicino ai boss”

Il provvedimento riguarda 16 società, una sala ricevimenti, un albergo e alcune ville. L'operazione, denominata Hera, è stata condotta dalla polizia e dalla Direzione distrettuale antimafia

Operazione della Polizia e della Direzione distrettuale antimafia di Messina. La Divisione anticrimine della Questura e il Servizio centrale anticrimine con il blitz 'Hera' hanno sequestrato beni per circa 100 milioni di euro a Giuseppe Busacca, l’imprenditore messinese che ha costruito un impero con le cooperative di assistenza a disabili e anziani. L'imprenditore, che già nel 2015 era finito agli arresti domiciliari perché ritenuto al centro di un monopolio nella gestione degli appalti per i servizi socio-assistenziali, è accusato di aver investito soldi illeciti, provenienti dal clan mafioso dei Barcellonesi. Il provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Messina su richiesta del procuratore e del questore e riguarda 16 società e poi centri di riabilitazione, assetti societari, cooperative sociali e aziende agricolo-faunistiche, locali di pubblico intrattenimento, hotel, immobili (tra cui numerose ville di consistente valore) nell'area di Milazzo e dei Nebrodi. Congelate anche somme di denaro in Paesi esteri.

Mafia, premiata ditta Napoli&Busacca: sotto sequestro un impero da 100 milioni di euro

L'operazione, denominata Hera, è stata condotta dalla polizia e dalla Direzione distrettuale antimafia con la Divisione anticrimine della Questura di Messina e il Servizio centrale anticrimine "nel quadro - si legge in una nota - di una più ampia strategia di contrasto avviata dalla Direzione centrale anticrimine".

Le società riconducibili a Busacca avevano ottenuto anche contributi anticrisi Covid, per un importo complessivo di 500 mila euro (guarda il video).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi sequestro al re delle cooperative di assistenza sociale: “E’ vicino ai boss”

MessinaToday è in caricamento